CardioPreventariab.it
American Heart Association
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra sostituzione transcatetere della valvola aortica e successiva endocardite infettiva e morte in ospedale


Esistono dati limitati sulle caratteristiche cliniche e sugli esiti dei pazienti che hanno sofferto di endocardite infettiva dopo aver subito la sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ).

Sono stati determinati i fattori associati, le caratteristiche cliniche e gli esiti dei pazienti che hanno manifestato endocardite infettiva dopo TAVR utilizzando l’Infectious Endocarditis after TAVR International Registry, che ha incluso i pazienti con endocardite infettiva definita dopo TAVR provenienti da 47 Centri in Europa, Nord America e Sud America tra il 2005 e il 2015. L’esposizione esaminata era la sostituzione valvolare aortica transcatetere per l’incidenza di endocardite infettiva, e l’endocardite infettiva per la mortalità in ospedale.

In totale si sono verificati 250 casi di endocardite infettiva in 20.006 pazienti dopo TAVR ( incidenza, 1.1% per anno-persona; età media, 80 anni; 64% uomini ).

Il tempo mediano da TAVR a endocardite infettiva è stato di 5.3 mesi.

Le caratteristiche associate a più alto rischio di progressione della endocardite infettiva dopo TAVR sono state età più giovane ( 78.9 anni vs 81.8 anni; hazard ratio HR, 0.97 per anno ), sesso maschile ( 62.0% vs 49.7% ; HR, 1.69 ), diabete mellito ( 41.7% vs 30.0%; HR, 1.52 ) e insufficienza aortica da moderata a grave ( 22.4% vs 14.7%; HR, 2.05 ).

L’endocardite infettiva associata all'assistenza sanitaria era presente nel 52.8% dei pazienti.

Gli enterococchi e lo Staphylococcus aureus erano i microrganismi più frequentemente isolati ( 24.6% e 23.3%, rispettivamente ).

Il tasso di mortalità ospedaliera è stato del 36% ( 90 morti; 160 sopravvissuti ) e la chirurgia è stata eseguita nel 14.8% dei pazienti durante l’episodio di endocardite infettiva.

La mortalità ospedaliera è risultata associata a più elevato EuroSCORE logistico ( 23.1% vs 18.6%; odds ratio OR, 1.03 per 1% di aumento ), insufficienza cardiaca ( 59.3% vs 23.7%; OR, 3.36 ) e danno renale acuto ( 67.4% vs 31.6%; OR, 2.70 ).

Il tasso di mortalità a 2 anni è stato del 66.7% ( 132 morti; 115 superstiti ).

In conclusione, tra i pazienti sottoposti a TAVR, la più giovane età, il sesso maschile, la storia di diabete mellito, e il rigurgito aortico residuo da moderato a grave sono risultati significativamente associati a un aumentato rischio di endocardite infettiva.
I pazienti che hanno sviluppato endocardite avevano alti tassi di mortalità ospedaliera e mortalità a 2 anni. ( Xagena2016 )

Regueiro A et al, JAMA 2016; 316: 1083-1092

Cardio2016 Inf2016



Indietro