CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association
ACC Meeting

Rischi associati a risonanza magnetica nei pazienti con un pacemaker o un defibrillatore


La presenza di un dispositivo elettronico impiantabile cardiovascolare è da tempo una controindicazione per la prestazione di risonanza magnetica per immagini ( MRI ).
È stato creato un Registro prospettico per determinare i rischi associati alla MRI con una forza di campo magnetico di 1.5 tesla per i pazienti che avevano un pacemaker o un defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) che era non-condizionato da MRI ( non-approvato dalla Food and Drug Administration [ FDA ] per la scansione MRI ).

I pazienti nel Registro sono stati avviati a risonanza magnetica non-toracica clinicamente indicata con una forza di campo di 1.5 tesla.
I dispositivi sono stati esaminati prima e dopo la MRI con l'uso di un protocollo standardizzato e sono stati appropriatamente riprogrammati prima della scansione.

Gli endpoint primari erano morte, guasto del generatore o della sonda, aritmia indotta, perdita della registrazione o reset elettrico durante la scansione. Gli endpoint secondari erano modifiche nelle impostazioni del dispositivo.

La MRI è stata eseguita in 1.000 casi in cui i pazienti avevano un pacemaker e in 500 casi in cui i pazienti avevano un ICD.

Non si sono verificati decessi, guasti della sonda, perdite di registrazione o aritmie ventricolari durante la MRI.

Un generatore ICD non ha potuto essere esaminato dopo la MRI e ha richiesto la sostituzione immediata; il dispositivo non era stato programmato correttamente per il protocollo prima di MRI.

Sono stati osservati sei casi autolimitanti di fibrillazione atriale o flutter atriale e 6 casi di resettazione elettrica parziale.

Le variazioni nell'impedenza della sonda, soglia di stimolazione, voltaggio della batteria e ampiezza di onda P e R hanno superato le soglie prestabilite in un piccolo numero di casi.

La ripetizione della risonanza magnetica non è stata associata a un aumento degli eventi avversi.

In conclusione, il guasto di un dispositivo o di una sonda non è avvenuto nei pazienti con un pacemaker o un ICD non-MRI-condizionale sottoposto a una risonanza magnetica non-toracica clinicamente indicata a 1.5 tesla, correttamente sottoposti a screening e con il dispositivo riprogrammato in conformità al protocollo prespecificato. ( Xagena2017 )

Russo RJ et al, N Engl J Med 2017; 376: 755-764

Cardio2017 Diagno2017



Indietro