Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Il D-dimero predice la mortalità causa-specifica a lungo termine, gli eventi cardiovascolari e il tumore nei pazienti con cardiopatia ischemica stabile


Il D-dimero, un prodotto di degradazione della fibrina, è un marcatore per l'ipercoagulabilità e gli eventi trombotici.
Livelli moderatamente elevati di D-dimero sono associati al rischio di eventi venosi e arteriosi nei pazienti con malattia vascolare.

È stato valutato il ruolo dei livelli di D-dimero nel predire esiti vascolari a lungo termine, mortalità causa-specifica e nuovi tumori nello studio LIPID ( Long-Term Intervention with Pravastatin in Ischaemic Disease ) nel contesto di altri fattori di rischio.

LIPID ha randomizzato i pazienti a placebo o a Pravastatina ( Selectin ) 40 mg/die da 5 a 38 mesi dopo infarto miocardico o angina instabile.
I livelli di D-dimero sono stati misurati al basale e a 1 anno.
Il follow-up mediano è stato di 6.0 anni durante lo studio e di 16 anni in totale.

I livelli di D-dimero basale per 7.863 pazienti sono stati raggruppati per quartile ( inferiore o uguale a 112, 112-173, 173-273, superiore a 273 ng/ml ).
Livelli più alti erano associati a età avanzata, sesso femminile, storia di ipertensione, scarsa funzionalità renale e livelli elevati di peptide natriuretico B, proteina C reattiva ad alta sensibilità e troponina sensibile I ( ciascuno P minore di 0.001 ).

Durante i primi 6 anni, dopo aggiustamento fino a 30 fattori di rischio aggiuntivi, D-dimero più elevato era associato a un rischio significativamente maggiore di un evento coronarico maggiore ( quartile 4 vs 1; hazard ratio, HR, 1.45 ), malattia cardiovascolare maggiore ( HR=1.45 ) e tromboembolia venosa ( HR=4.03; ciascuno P minore di 0.001 ).

Durante i 16 anni complessivi, D-dimero più alto era un predittore indipendente di mortalità per tutte le cause ( HR=1.59 ), mortalità per malattia cardiovascolare ( HR=1.61 ), mortalità per cancro ( HR=1.54 ) e mortalità non-cardiovascolare non-da-cancro ( HR=1.57; ciascuno P minore di 0.001 ), rimanendo significativo per i decessi risultanti da ciascuna causa verificatasi oltre i 10 anni di follow-up ( ciascuna P minore o uguale a 0.01 ).

Il D-dimero più alto ha previsto in modo indipendente anche un aumento dell'incidenza del cancro ( HR=1.16; P=0.02 ).
Il livello di D-dimero ha aumentato l'indice di riclassificazione netta per la mortalità per tutte le cause di 4.0 e di tromboembolismo venoso di 13.6.

In conclusione, i livelli di D-dimero predicono il rischio a lungo termine di eventi arteriosi e venosi, mortalità cardiovascolare e mortalità non-cardiovascolare non-da-cancro indipendentemente da altri fattori di rischio.
Il D-dimero è anche un importante fattore predittivo di incidenza e mortalità di tumore.
Questi risultati supportano una associazione del D-dimero con eventi fatali in più malattie e dimostrano che questo collegamento si estende oltre il follow-up di 10 anni. ( Xagena2018 )

Simes J et al, Circulation 2018; 138: 712-723

Cardio2018 Onco2018



Indietro