52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

L'innesto bilaterale della arteria mammaria interna riduce il rischio a lungo termine di rivascolarizzazione coronarica ripetuta


Sebbene studi precedenti abbiano dimostrato che i pazienti che ricevono innesti bilaterali di arteria mammaria interna ( BIMA ) durante l'innesto di bypass coronarico presentano una migliore sopravvivenza a lungo termine rispetto a quelli che ricevono una singola arteria mammaria interna ( SIMA ), i dati sul rischio di ripetizione della rivascolarizzazione sono più limitati.
Sono stati confrontati i tempi, la frequenza e il tipo di rivascolarizzazione coronarica ripetuta tra i pazienti che ricevono BIMA e SIMA.

È stata condotta una analisi retrospettiva multicentrica di 47.984 interventi chirurgici di innesto di bypass coronarico consecutivi eseguiti tra il 1992 e il 2014 in 7 Centri medici.
Nella popolazione dello studio, sono stati identificati 1.482 interventi chirurgici di bypass della arteria coronaria con BIMA, e 1.297 pazienti trattati con BIMA sono stati abbinati per propensione a 1.297 pazienti trattati con SIMA.

L'endpoint primario era la libertà dalla rivascolarizzazione coronarica ripetuta.

La durata mediana del follow-up è stata di 13.2 anni. I pazienti erano ben abbinati per età, indice di massa corporea ( BMI ), comorbilità maggiori e funzione cardiaca.

E' stata riscontrata una maggiore libertà dalla ripetizione della rivascolarizzazione tra i pazienti che hanno ricevuto BIMA rispetto a quelli che hanno ricevuto SIMA ( hazard ratio, HR=0.78, P=0.009 ).

Nella coorte abbinata, il 19.4% ( n=252 ) dei pazienti trattati con SIMA è stato sottoposto a rivascolarizzazione ripetuta, mentre questa frequenza è stata del 15.1% ( n=196 ) tra i pazienti trattati con BIMA ( P=0.004 ).

La maggior parte delle procedure di rivascolarizzazione ripetute erano interventi coronarici percutanei ( 94.2% ), e ciò non differiva tra i gruppi ( P=0.274 ).

I gruppi non differivano anche nel rapporto tra intervento coronarico percutaneo con vaso nativo versus innesto vascolare ( P=0.899 ), o per quanto riguarda i vasi bersaglio di intervento coronarico percutaneo; i più comuni target in entrambi i gruppi erano l’arteria coronaria destra ( P=0.133 ) e le arterie circonflesse ( P=0.093 ).

In confronto con SIMA, l'innesto BIMA è risultato associato a una riduzione della mortalità per tutte le cause a 12 anni di follow-up ( HR=0.79, P=0.001 ), e non vi è stata alcuna differenza nella morbilità ospedaliera.

In conclusione, l'innesto BIMA era associato a un ridotto rischio di ripetizione della rivascolarizzazione e a un miglioramento della sopravvivenza a lungo termine, e dovrebbe essere considerato più frequentemente durante l’intervento di bypass coronarico. ( Xagena2017 )

Iribarne A et al, Circulation 2017; 136: 1676-1685

Cardio2017 Chiru2017



Indietro