52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra sostituzione transcatetere della valvola aortica per stenosi della valvola aortica bicuspide versus tricuspide e mortalità o ictus


Le indicazioni per la sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ) stanno aumentando, portando a un numero crescente di pazienti con stenosi della valvola aortica bicuspide sottoposti a TAVR.
Gli studi randomizzati condotti per ottenere l'approvazione della Agenzia regolaroria statunitense FDA ( Food and Drug Administration ) hanno escluso l'anatomia bicuspide.

Sono stati confrontati gli esiti di TAVR con una valvola espandibile con palloncino per stenosi aortica bicuspide versus tricuspide in uno studio di coorte prospettico basato sul registro di pazienti sottoposti a TAVR in 552 centri statunitensi.
I partecipanti erano stati iscritti al Registro STS/ACC TVT ( Society of Thoracic Surgeons / American College of Cardiology Transcatheter Valve Therapies Registry ) dal 2015 al 2018.

Gli esiti principali erano la mortalità e l'ictus a 30 giorni e 1 anno. Gli esiti secondari includevano complicanze procedurali, emodinamica delle valvole e valutazione della qualità di vita.

Tra 81.822 pazienti con stenosi aortica ( 2.726 bicuspide; 79.096 tricuspide ), sono state analizzate 2.691 coppie di stenosi aortica bicuspide e tricuspide abbinate per punteggio di propensione ( età mediana, 74 anni; 39.1%, donne; rischio di mortalità predetto per STS, rispettivamente 4.9% e 5.1% ).

La mortalità per tutte le cause non è risultata significativamente diversa tra i pazienti con stenosi aortica bicuspide e tricuspide a 30 giorni ( 2.6% vs 2.5%; hazard ratio HR, 1.04 ) e 1 anno ( 10.5% vs 12.0%; HR, 0.90 ).

Il tasso di ictus a 30 giorni è risultato significativamente più elevato per la stenosi aortica bicuspide versus tricuspide ( 2.5% vs 1.6%; HR, 1.57 ).

Il rischio di complicanze procedurali che richiedono un intervento a cuore aperto è stato significativamente più elevato nella coorte bicuspide versus tricuspide ( 0.9% vs 0.4%, rispettivamente; differenza di rischio assoluta RD, 0.5% ).

Non ci sono state differenze significative nell'emodinamica della valvola. Non ci sono state differenze significative nelle perdite paravalvolari moderate o gravi a 30 giorni ( 2.0% vs 2.4%; RD assoluto, 0.3% ) e 1 anno ( 3.2% vs 2.5%; RD assoluto, 0.7% ).

A 1 anno non vi era alcuna differenza significativa nel miglioramento della qualità di vita tra i gruppi ( differenza nel miglioramento del punteggio complessivo Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire -2.4; P=0.08 ).

In questo studio preliminare con pazienti sottoposti a sostituzione transcatetere della valvola aortica per stenosi aortica, i pazienti con stenosi aortica bicuspide vs tricuspide non presentavano differenze significative nella mortalità a 30 giorni o a 1 anno ma avevano un aumentato rischio a 30 giorni di ictus.

A causa del potenziale bias di selezione e dell'assenza di un gruppo di controllo trattato chirurgicamente per la stenosi bicuspide, sono necessari studi randomizzati per valutare adeguatamente l'efficacia e la sicurezza della sostituzione transcatetere della valvola aortica per la stenosi aortica bicuspide. ( Xagena2019 )

Makkar RR et al, JAMA 2019; 321: 2193-2202

Cardio2019 Neuro2019



Indietro