Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La calcificazione valvolare è fondamentale per la patogenesi e la progressione della stenosi aortica, con studi preclinici e osservazionali che suggeriscono che il turnover osseo e la differenziazione ...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità e mortalità attribuibile alla conseguente sindrome post-arresto c ...


IL-6 ( interleuchina-6 ) è emerso come fattore chiave nell'aterotrombosi. Tuttavia, la sicurezza e l'efficacia dell'inibizione di IL-6 in individui ad alto rischio aterosclerotico ma senza un disturbo ...


Dapagliflozin ( Forxiga ) riduce il rischio di malattia renale allo stadio terminale nei pazienti con malattia renale cronica. È stato esaminato il rischio relativo di eventi cardiovascolari e renal ...


L'ipercontrattilità del muscolo cardiaco è un'anomalia fisiopatologica chiave nella cardiomiopatia ipertrofica e un determinante importante dell'ostruzione dinamica del tratto di efflusso ventricolare ...


Il ruolo della sola anticoagulazione o dell’anticoagulazione con un agente antipiastrinico dopo l'impianto transcatetere della valvola aortica ( TAVI ) non è stato ben studiato. È stato eseguito un ...


Alirocumab ( Praluent ), un anticorpo che blocca PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ), è stato associato a ridotti eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) e morte n ...


La terapia antipiastrinica è raccomandata nei pazienti con aterosclerosi accertata. È stata confrontata la monoterapia con un inibitore P2Y12 rispetto all'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) per la pr ...


Lo studio COMPASS ( Cardiovascular Outcomes for People using Anticoagulation Strategies ) ha dimostrato che l'inibizione a doppia via ( DPI ) con Rivaroxaban ( Xarelto ) 2.5 mg due volte al giorno più ...


Gli obiettivi della gestione nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione comprendono la riduzione dei decessi e dei ricoveri e il miglioramento dello stato di salute ( sinto ...


La monoterapia con un inibitore P2Y12 dopo un periodo minimo di doppia terapia antipiastrinica è un approccio emergente per ridurre il rischio di sanguinamento dopo intervento coronarico percutaneo ( ...


I dati sulla monoterapia con inibitori P2Y12 dopo doppia terapia antipiastrinica di breve durata ( DAPT ) in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) sono limitati. Si è determ ...


I pazienti con malattia coronarica stabile e diabete mellito con precedente intervento coronarico percutaneo ( PCI ), in particolare quelli con precedente stent, sono ad alto rischio di eventi ischemi ...


Il passaggio tra diverse classi di inibitori P2Y12 , inclusa la riduzione progressiva da Ticagrelor ( Brilique ) a Clopidogrel ( Plavix ), si verifica comunemente nella pratica clinica. Tuttavia, i ...


L'effetto del Ticagrelor ( Brilique ) con o senza Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) sulla pervietà dell'innesto di vena safena nei pazienti sottoposti a bypass di arteria coronaria ( CABG ) non è no ...



Mediexplorer.it
MedTv
ForumCardiologico.it
Xapedia.it
Immunoterapia Oncologica
MedFocus
Nuovi farmaci in oncologia
FarmaExplorer