Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Metoprololo nei pazienti critici con COVID-19


La malattia grave da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) può evolvere in una sindrome da distress respiratorio acuto ( ARDS ), che comporta l'infiltrazione alveolare da parte dei neutrofili attivati.
Il Metoprololo ( Seloken ), un beta-bloccante ha dimostrato di migliorare l'infiammazione esacerbata nel contesto dell'infarto del miocardio.

Sono stati valutati gli effetti del Metoprololo sull'infiammazione alveolare e sulla funzione respiratoria nei pazienti con sindrome ARDS associata a COVID-19.
In totale 20 pazienti affetti da COVID-19 con sindrome ARDS in ventilazione meccanica invasiva sono stati randomizzati a Metoprololo ( 15 mg al giorno per 3 giorni ) o al controllo ( nessun trattamento ).

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a lavaggio broncoalveolare ( BAL ) prima e dopo Metoprololo / controllo.
La sicurezza della somministrazione di Metoprololo è stata valutata mediante monitoraggio emodinamico ed elettrocardiografico invasivo ed ecocardiografia.

Il trattamento con Metoprololo non ha prodotto effetti collaterali.

Al basale, il contenuto di neutrofili nel BAL non differiva tra i gruppi. Per contro, i pazienti randomizzati al Metoprololo avevano un numero significativamente inferiore di neutrofili nel BAL al giorno 4 ( mediana: 14.3 neutrofili/microl vs mediana: 397 neutrofili/microl nei gruppi Metoprololo e controllo, rispettivamente; P=0.016 ).

Il Metoprololo ha anche ridotto il contenuto di trappole extracellulari dei neutrofili e altri marker di infiammazione polmonare.

L'ossigenazione ( PaO 2 : FiO2 ) è significativamente migliorata dopo 3 giorni di trattamento con Metoprololo ( mediana: 130 vs mediana: 267, rispettivamente al basale e il giorno 4; P=0.003 ), mentre è rimasta invariata nei soggetti di controllo.

I pazienti trattati con Metoprololo hanno trascorso meno giorni in ventilazione meccanica invasiva rispetto a quelli del gruppo di controllo ( 15.5 vs 21.9 giorni; P=0.17 ).

In questo studio pilota, la somministrazione endovenosa di Metoprololo a pazienti con sindrome ARDS associata a COVID-19 è risultata sicura, ha ridotto l'infiammazione polmonare esacerbata e ha migliorato l'ossigenazione.
Riutilizzare Metoprololo per la sindrome da distress respiratorio acuto associata a COVID-19 sembra essere una strategia sicura e poco costosa che può alleviare il peso della pandemia di COVID-19. ( Xagena2021 )

Clemente-Moragón A et al, J Am Coll Cardiol 2021; 78: 1001-1011

Cardio2021 Inf2021 Farma2021


Indietro