Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Inibizione della miosina mediante Mavacamten nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva sottoposti a terapia di riduzione del setto: esiti a 32 settimane


La terapia di riduzione del setto ( SRT ) nei pazienti con sintomi intrattabili da cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva ( oHCM ) è associata a morbilità e mortalità variabili.

Lo studio VALOR-HCM ( A Study to Evaluate Mavacamten in Adults with Symptomatic Obstructive Hypertrophic Cardiomyopathy Who Are Eligible for Septal Reduction Therapy ) ha esaminato l'effetto di Mavacamten ( Camzyos ) sulla necessità di terapia di riduzione del setto fino alla settimana 32 nella cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva.

Uno studio multicentrico in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, condotto in 19 Centri statunitensi, ha incluso pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva in terapia medica massimale tollerata indirizzati a terapia di riduzione del setto con gradiente del tratto di efflusso ventricolare sinistro maggiore o uguale a 50 mm Hg a riposo o alla provocazione ( arruolamento, luglio 2020-ottobre 2021 ).

Il gruppo inizialmente randomizzato a Mavacamten ha continuato ad assumere il farmaco per 32 settimane e il gruppo placebo è passato a Mavacamten in cieco dalla settimana 16 alla settimana 32.

Le titolazioni della dose si sono basate sulla valutazione ecocardiografica in cieco del gradiente del tratto di efflusso ventricolare sinistro e della frazione di eiezione ventricolare sinistra.

L'endpoint principale era la percentuale di pazienti che procedevano con la terapia di riduzione del setto o rimanevano ammissibili alle linee guida a 32 settimane in entrambi i gruppi di trattamento.

Dei 112 pazienti randomizzati con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva, 108 ( età media 60.3 anni; 50% uomini; 94% nella classe NYHA III/IV si sono qualificati per la valutazione alla settimana 32 ( 56 nel gruppo originale Mavacamten e 52 nel gruppo placebo crossover ).

Dopo 32 settimane, 6 pazienti su 56 ( 10.7% ) nel gruppo Mavacamten originale e 7 pazienti su 52 ( 13.5% ) nel gruppo placebo crossover hanno soddisfatto i criteri delle linee guida per terapia di riduzione del setto o hanno scelto di sottoporsi a terapia di riduzione del setto.

Dopo 32 settimane, una riduzione sostenuta del gradiente del tratto di efflusso ventricolare sinistro a riposo ( -33.0 mm Hg ) e del gradiente del tratto di efflusso ventricolare sinistro di Valsalva ( -43.0 mm Hg ) è stato osservato nel gruppo Mavacamten originale.

Una simile riduzione dei gradienti a riposo ( -33.7 mm Hg ) e di Valsalva ( -52.9 mm Hg ) è stata quantificata nel gruppo crossover dopo 16 settimane di Mavacamten.

Dopo 32 settimane, è stato osservato un miglioramento di 1 o più classi NYHA in 48 pazienti su 53 ( 90.6% ) nel gruppo Mavacamten originale e in 35 pazienti su 50 ( 70% ) dopo 16 settimane nel gruppo crossover.

Nei pazienti gravemente sintomatici con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva, 32 settimane di trattamento con Mavacamten hanno mostrato una riduzione sostenuta della percentuale di pazienti che procedeva alla terapia di riduzione del setto o rimaneva ammissibile secondo le linee guida, con effetti simili osservati nei pazienti che hanno fatto il crossover dal placebo dopo 16 settimane. ( Xagena2023 )

Desai MY et al, Circulation 2023; 147: 850-863

Cardio2023 Chiru2023 Farma2023



Indietro