Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazioni di adiposità, biomarcatori proteici circolanti e rischio di malattie vascolari maggiori


L'obesità è associata a un rischio più elevato di malattia cardiovascolare ( CVD ), ma poco si sa sul ruolo che i biomarcatori proteici circolanti svolgono in questa associazione.

Sono state esaminate le associazioni osservazionali e genetiche di adiposità con biomarcatori proteici circolanti e le associazioni osservazionali di proteine con malattia cardiovascolare incidente in uno studio prospettico di sottocoorte che ha incluso 628 partecipanti ad una BioBanca ( China Kadoorie Biobank ) e che non avevano una storia di tumore al basale.

La piattaforma Olink ha misurato 92 marcatori proteici nei campioni di plasma al basale.
I dati sono stati raccolti nel periodo 2004-2016.
È stato considerato l’indice di massa corporea ( BMI ) misurato durante l'indagine di riferimento e l'indice di massa corporea geneticamente derivato utilizzando 571 varianti a singolo nucleotide.

Nelle analisi osservazionali di 628 individui ( età media, 52.2 anni; 385 donne, 61.3% ), l'indice di massa corporea ( media, 23.9 ) è risultato positivamente associato a 27 proteine ​​( per indice BMI superiore di 1-SD; interleuchina-6 [ IL-6 ]: 0.21 SD; interleuchina-18 [ IL-18 ]: 0.13 SD; proteina chemioattrattante i monociti-1 [ MCP-1 ]: 0.12 SD; fattore di crescita degli epatociti [ HGF ]: 0.31 SD ) e inversamente associato a 3 proteine ​​( ligando di Fas: -0.11 SD; induttore debole dell'apoptosi TNF-correlato, -0.14 SD; e anidrasi carbonica 9: -0.14 SD ), con associazioni simili identificate per altri tratti di adiposità ( ad esempio, circonferenza della vita, r=0.96 ).

Nella randomizzazione mendeliana, le associazioni dell'indice BMI geneticamente elevato con proteine ​​specifiche sono state direzionalmente coerenti con le associazioni osservazionali.
Nella meta-analisi dell'indice BMI geneticamente elevato con 8 proteine, combinando le attuali stime con studi precedenti, sono state mostrate le associazioni più robuste per l'interleuchina-6 ( per indice BMI maggiore di 1-SD; 0.21 SD ), interleuchina-18 ( 0.16 SD ), proteina chemioattrattante i monociti-1 ( 0.21 SD ), proteina chemioattrattante i monociti-3 ( 0.12 SD ), ligando induttore di apoptosi correlato al TNF ( 0.23 SD ) e fattore di crescita degli epatociti ( 0.14 SD ).

Dei 30 biomarcatori associati all'indice BMI, 10 ( inclusi interleuchina-6, interleuchina-18 e fattore di crescita degli epatociti ) sono stati nominalmente associati a malattia cardiovascolare incidente.

La randomizzazione mendeliana ha mostrato che l'adiposità è associata a una serie di biomarcatori proteici, con alcuni biomarcatori che presentano anche una associazione con il rischio di malattia cardiovascolare.
Sono necessari studi futuri per convalidare questi risultati e valutare se le proteine possano essere mediatrici tra adiposità e malattia cardiovascolare. ( Xagena2021 )

Pang Y et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 276-286

Cardio2021 Endo2021 Med2021



Indietro