52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Benznidazolo per la cardiomiopatia di Chagas cronica


Il ruolo della terapia tripanocida in pazienti con cardiomiopatia di Chagas accertata non è ben definito.

È stato condotto uno studio prospettico, multicentrico, randomizzato che ha coinvolto 2.854 pazienti con cardiomiopatia di Chagas che hanno ricevuto Benznidazolo ( Rochagan and Radanil ) oppure placebo per un massimo di 80 giorni e sono stati seguiti per una media di 5.4 anni.

L'esito primario nell'analisi time-to-event è stato il primo evento di una qualsiasi delle componenti dell’esito composito di morte, arresto cardiaco resuscitato, tachicardia ventricolare sostenuta, inserimento di un pacemaker o defibrillatore cardioverter impiantabile, trapianto cardiaco, fallimento del cuore nuovo, ictus o altri eventi tromboembolici.

L'esito primario si è verificato in 394 pazienti ( 27.5% ) nel gruppo Benznidazolo e in 414 ( 29.1% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.93; P=0.31 ).

Al basale, è stata eseguita una PCR ( reazione a catena della polimerasi ) su campioni di sangue ottenuti da 1.896 pazienti; risultati positivi per Trypanosoma cruzi alla PCR sono stati riscontrati nel 60.5% dei casi.

I tassi di conversione con risultati di PCR negativi ( conversione della PCR ) sono stati pari al 66.2% nel gruppo Benznidazolo e al 33.5% nel gruppo placebo al termine del trattamento; a 2 anni, rispettivamente, 55.4% e 35.3%, e 46.7% e 33.1% rispettivamente, a 5 anni o più ( P minore di 0.001 per tutti i confronti ).

L'effetto del trattamento sulla conversione della PCR è stato differente a seconda della regione geografica: in Brasile, l'odds ratio ( OR ) per la conversione della PCR è stato pari a 3.03 a 2 anni e 1.87 ( IC 95%, 1.33-2.63 ) a 5 o più anni; in Colombia ed El Salvador, l'odds ratio è stato 1.33 a 2 anni e 0.96 a 5 anni o più; e in Argentina e Bolivia, l'odds ratio è stato 2.63 a 2 anni e 2.79 a 5 o più anni ( P per interazione minore di 0.001 ).

Tuttavia, il tasso di conversione della PCR non è risultato corrispondente agli effetti sull’esito clinico ( P per interazione=0.16 ).

In conclusione, la terapia tripanocida con Benznidazolo nei pazienti con cardiomiopatia di Chagas accertata ha ridotto in modo significativo l'individuazione dei parassiti nel siero ma non ha significativamente ridotto il danno cardiaco clinico nel corso di 5 anni di follow-up. ( Xagena2015 )

Morillo CA et al, N Engl J Med 2015; 373: 1295-1306

Cardio2015 Inf2015 Farma2015


Indietro