Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Bivalirudina versus Eparina nei pazienti destinati a intervento coronarico percutaneo


Bivalirudina ( Angiox, Angiolax ) è un'alternativa alla Eparina nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ).
Sono stati definiti gli effetti di un regime anticoagulante a base di Bivalirudina, rispetto a un regime anticoagulante a base di Eparina, sugli esiti ischemici ed emorragici.

L'endpoint primario di efficacia era l'incidenza di eventi cardiaci avversi maggiori ( MACE ) fino a 30 giorni.
Gli endpoint secondari di efficacia erano morte, infarto miocardico, rivascolarizzazione guidata da ischemia e trombosi da stent.
L'endpoint primario di sicurezza era il sanguinamento maggiore fino a 30 giorni.

Sono stati inclusi i dati di 16 studi che hanno coinvolto 33.958 pazienti, di cui 2.422 hanno avuto MACE e 1.406 un sanguinamento maggiore.

C'è stato un aumento del rischio di MACE con regimi a base di Bivalirudina rispetto ai regimi a base di Eparina ( risk ratio, RR=1.09; P=0.0204 ), in gran parte guidato da aumenti di infarto miocardico ( RR=1.12 ) e apparentemente anche da rivascolarizzazione guidata da ischemia ( RR=1.16 ) con Bivalirudina rispetto a Eparina, senza alcun effetto sulla mortalità ( RR=0.99 ).

Bivalirudina ha aumentato il rischio di trombosi dello stent ( RR=1.38; P=0.0074 ), principalmente per via di un aumento dei casi acuti di infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( RR=4.27; P minore di 0.0001 ).

Nel complesso, i regimi a base di Bivalirudina hanno abbassato il rischio di sanguinamento maggiore ( RR=0.62; P minore di 0.0001 ), ma la grandezza di questo effetto è variata notevolmente ( P minore di 0.0001 ) in base al fatto che gli inibitori della glicoproteina IIb/IIIa siano stati utilizzati prevalentemente nel braccio con sola Eparina ( RR=0.53; P minore di 0.0001 ), provvisoriamente in entrambi i bracci ( RR=0.78; P=0.25 ), o in entrambi i bracci ( RR=1.07; P=0.53 ).

Rispetto a un regime a base di Eparina, un regime a base di Bivalirudina aumenta il rischio di infarto miocardico e di trombosi dello stent, ma diminuisce il rischio di sanguinamento, con entità della riduzione a seconda del concomitante uso di inibitori della glicoproteina IIb/IIIa.
I medici devono ponderare il rischio di eventi ischemici ed emorragici al momento di scegliere tra i diversi regimi anticoagulanti. ( Xagena2014 )

Cavender MA, Sabatine MS, Lancet 2014;384:599-606

Cardio2014 Farma2014


Indietro