Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Cause di mortalità tardiva con doppia terapia antiaggregante dopo stent coronarico


Nello studio di doppia terapia antiaggregante ( DAPT ), la tienopiridina continua oltre 12 mesi dopo l’impianto di stent a eluizione di farmaco era associata a un aumento della mortalità rispetto al placebo.
Sono stati valutati i fattori relativi alla mortalità nei pazienti randomizzati trattati con stent a rilascio di farmaco o di metallo nudo nello studio DAPT.

I pazienti sono stati arruolati dopo impianto di stent ( stenting ) coronarico; è stata somministrata loro una tienopiridina e Aspirina per 12 mesi, sono stati assegnati in modo casuale a continuare la tienopiridina o a ricevere placebo per ulteriori 18 mesi ( durante l'assunzione di Aspirina ), e successivamente sono stati trattati con Aspirina da sola per altri 3 mesi.

Una Commissione indipendente in cieco ha valutato i decessi.

Tra gli 11.648 pazienti randomizzati, i tassi di mortalità per tutte le cause sono stati 1.9% vs 1.5% ( tienopiridina continua rispetto al placebo, P=0.07 ), mortalità cardiovascolare, 1.0% vs 1.0% ( P=0.97 ), e mortalità non-cardiovascolare, 0.9% vs 0.5% ( P=0.01 ) per il periodo randomizzato ( mesi 12-30 ).

I tassi di sanguinamento fatale sono stati 0.2% vs 0.1% ( P=0.81 ), e i decessi correlati a qualsiasi sanguinamento precedente sono stati 0.3% vs 0.2% ( P=0.36, mesi 12-33 ).

L'incidenza di cancro non differiva ( 2.0% vs 1.6%, P=0.12 ).

Decessi correlati al tumore si sono verificati nello 0.6% vs 0.3% ( P=0.02 ) e raramente sono stati correlati al sanguinamento ( 0.1 vs 0, P=0.25 ).

Dopo aver escluso quelli che si sono verificati in pazienti con tumore diagnosticato prima dell’arruolamento, i tassi erano 0.4% vs 0.3% ( P=0.16 ).

In conclusione, il sanguinamento ha rappresentato una minoranza dei decessi tra i pazienti trattati con tienopiridina continua.
La morte per tumore in associazione con la terapia con Tienopiridina era principalmente non-correlata al sanguinamento e può essere un risultato casuale.
Bisogna usare cautela quando si considera il trattamento prolungato con una tienopiridina nei pazienti con tumore in fase avanzata. ( Xagena2016 )

Solomon SD et al, Eur Heart J 2016; 37: 378-385

Cardio2016 Onco2016 Farma2016


Indietro