Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Conseguenze cardiopolmonari a lungo termine della cardiotossicità indotta dal trattamento nei sopravvissuti a tumore mammario ERBB2-positivo


Trastuzumab ( Herceptin ) migliora gli esiti nei pazienti con tumore alla mammella con positività a ERBB2 ( precedentemente HER2 ) ma è associato a cardiotossicità indotta dal trattamento, più comunemente manifestata da un declino asintomatico della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ).

Fino ad oggi si sapeva poco sugli effetti a lungo termine della cardiotossicità indotta dal trattamento sulla funzione cardiopolmonare nei pazienti sopravvissuti a carcinoma mammario trattato con Trastuzumab.

Si è determinato se la cardiotossicità indotta dal trattamento regredisca o sia associata a disfunzione cardiopolmonare a lungo termine nei sopravvissuti alla neoplasia mammaria con positività a ERBB2.

Uno studio caso-controllo ha arruolato pazienti con tumore mammario ERBB2-positivo non-metastatico dopo il completamento della terapia a base di Trastuzumab ( mediana, 7.0 anni dopo la terapia ) che soddisfacevano 1 di 2 criteri: cardiotossicità ( gruppo TOX ) sviluppata durante il trattamento con Trastuzumab ( riduzione asintomatica di FEVS maggiore o uguale al 10% dal basale fino a minore del 55%, n=22 ) o nessuna evidenza di cardiotossicità durante il trattamento con Trastuzumab ( gruppo NOTOX, n=20 ).

I pazienti sono stati curati presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York ( USA ).
Sono stati arruolati anche 15 partecipanti di controllo sani ( gruppo controllo ) per il confronto.
Tutti i gruppi sono stati abbinati per frequenza in base a strati di età ( inferiore a 55 anni, 55-64 e 65 anni o più ).

Sono stati eseguiti l'ecocardiografia speckle tracking ( STE ) e il test da sforzo cardiopolmonare ( CPX ) massimo per misurare gli indici della funzione ventricolare sinistra ( includendo FEVS e la deformazione o strain longitudinale globale, GLS ) e il picco del consumo di ossigeno ( picco VO2 ).

Sono stati inclusi nell'analisi 57 partecipanti ( età media, 60.8 anni ). Complessivamente, 38 su 42 pazienti con neoplasia mammaria ( 90% ) sono stati trattati con antracicline prima del Trastuzumab.

La FEVS media a riposo è risultata significativamente più bassa nel gruppo TOX ( 56.9% ) rispetto ai gruppi NOTOX ( 62.4% ) e controllo ( 65.3% ).
Risultati simili sono stati trovati per GLS ( gruppo TOX, −17.8%; gruppo NOTOX, −19.8%; gruppo controllo, −21.3% ) ( P minore di 0.001 ).

Il picco medio di VO2 nel gruppo TOX ( 22.9 ml/kg/min ) è stato del 15% inferiore rispetto al gruppo NOTOX ( 27.0 ml/kg/min; P=0.03 ) e del 25% inferiore rispetto al gruppo controllo ( 30.5 ml/kg/min; P minore di 0.001 ).

Nei pazienti con tumore mammario, lo strain longitudinale globale è risultato significativamente associato al picco VO2 ( coefficiente beta, −0.75 ).

La cardiotossicità indotta dal trattamento appare associata a una marcata compromissione della funzione cardiopolmonare a lungo termine e può contribuire a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari che si verificano tardivamente nei sopravvissuti al tumore mammario ERBB2-positivo. ( Xagena2020 )

Yu AF et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 309-317

Cardio2020 Onco2020 Farma2020


Indietro