Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Differenza di sesso nei pazienti con insufficienza cardiaca ischemica sottoposti a rivascolarizzazione chirurgica


Il sesso femminile è convenzionalmente considerato un fattore di rischio per l'innesto di bypass coronarico ( CABG ) ed è stato incluso come un fattore prognostico sfavorevole in più punteggi di valutazione del rischio operativo cardiaco.

È stata studiata l'associazione tra sesso e beneficio a lungo termine di CABG in pazienti con disfunzione ventricolare sinistra ischemica arruolati nello studio prospettico STICH ( Surgical Treatment for Ischemic Heart Failure Study ).

Lo studio STICH ha randomizzato 1.212 pazienti ( 148 donne, 12%, e 1.064 uomini, 88% ) con malattia coronarica e frazione di eiezione ventricolare sinistra minore o uguale al 35% a terapia medica più CABG ( MED ) rispetto alla sola terapia medica.
I risultati a lungo termine ( 10 anni ) con ciascun trattamento sono stati confrontati in base al sesso.

Al basale, le donne erano più anziane ( 63.4 vs 59.3 anni; P=0.016 ), con un più elevato indice di massa corporea [ BMI ] ( 27.9 vs 26.7 kg/m2; P=0.001 ). Le donne presentavano più fattori di rischio di malattia coronarica ( diabete mellito, 55.4% vs 37.2%; ipertensione, 70.9% vs 58.6%; iperlipidemia, 70.3% vs 58.9% ) tranne che per il fumo ( 13.5% vs 21.8% ) e avevano tassi più bassi di precedente CABG ( 0% vs 3.4%, tutti P minore di 0.05 ) rispetto agli uomini.

Inoltre, le donne avevano una più alta classe NYHA ( classe III/IV, 66.2% vs 57.0% ), una capacità sul test del cammino di 6 minuti più bassa ( 300 vs 350 m ), e inferiori punteggi complessivi al questionario KCCQ ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire ) ( 51 vs 63; tutti P minore di 0.05 ).

In 10 anni di follow-up, la mortalità per tutte le cause ( 49.0% vs 65.8%; hazard ratio aggiustato, aHR=0.67; P=0.002 ) e la mortalità cardiovascolare ( 34.3% vs 52.3%; aHR=0.65; P=0.006 ) sono state significativamente più basse nelle donne rispetto agli uomini.

Con la randomizzazione a CABG più terapia medica rispetto al solo trattamento con terapia medica, non vi è stata interazione significativa tra sesso e gruppo di trattamento nella mortalità per qualsiasi causa, mortalità cardiovascolare o nel composito di mortalità per tutte le cause o ospedalizzazione cardiovascolare ( tutti P maggiore di 0.05 ).

Inoltre, i decessi chirurgici non sono risultati statisticamente diversi ( 1.5% vs 5.1%; P=0.187 ) tra i sessi tra i pazienti randomizzati a CABG per protocollo come trattamento iniziale.

In conclusione, il sesso non è associato all'effetto di CABG più terapia medica rispetto alla sola terapia medica sulla mortalità per qualsiasi causa, mortalità cardiovascolare, composito di morte o ospedalizzazione cardiovascolare, o morte chirurgica in pazienti con disfunzione ventricolare sinistra ischemica.
Pertanto, il sesso non dovrebbe influenzare le decisioni terapeutiche su CABG in questi pazienti. ( Xagena2018 )

 Piña IL et al, Circulation 2018; 137: 771-780

Cardio2018



Indietro