Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Durata della doppia terapia antipiastrinica per i pazienti ad alto rischio emorragico sottoposti a intervento PCI


La durata ottimale della doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) tra i pazienti ad alto rischio di sanguinamento non è nota.

Sono stati confrontati 1 versus 3 mesi di terapia DAPT nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a impianto di stent a rilascio di farmaco.

Il programma XIENCE Short DAPT comprendeva 3 studi prospettici, multicentrici, a braccio singolo su pazienti ad alto rischio di sanguinamento trattati con un ciclo di terapia DAPT breve seguito da Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) in monoterapia dopo intervento PCI con uno stent a rilascio di Everolimus in Cobalto-Cromo.

In questa analisi esplorativa, i pazienti che hanno ricevuto terapia DAPT per 1 mese ( XIENCE 28 USA e 28 Global ) sono stati confrontati con quelli sottoposti a terapia DAPT per 3 mesi ( XIENCE 90 ) utilizzando la stratificazione per punteggio di propensione.
Gli esiti ischemici ed emorragici sono stati valutati tra 1 e 12 mesi dopo procedura PCI indice.

Sono stati arruolati in totale 3.652 pazienti e 1.392 pazienti dopo 1 mese di terapia DAPT e 1.972 pazienti dopo 3 mesi di terapia DAPT erano eleggibili per le analisi.

L'endpoint primario di mortalità per qualsiasi causa o infarto miocardico è stato simile tra i due gruppi ( 7.3% vs 7.5%; differenza -0.2%; P=0.41 ).
L'endpoint secondario chiave del sanguinamento di tipo 2-5 del BARC ( Bleeding Academic Research Consortium ) è stato inferiore con la terapia DAPT per 1 mese rispetto a terapia DAPT per 3 mesi ( 7.6% vs 10.0%; differenza -2.5%; P=0.012 ).

Il sanguinamento maggiore BARC di tipo 3-5 non è variato a 12 mesi ( 3.6% vs 4.7%; differenza -1.1%; P=0.082 ), ma era inferiore con terapia DAPT di 1 mese a 90 giorni ( 1.0% vs 2.1%; P=0.015 ).

Tra i pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo, 1 mese di doppia terapia antipiastrinica, rispetto a 3 mesi di terapia DAPT, è stato associato a esiti ischemici simili e a un minore rischio di sanguinamento. ( Xagena2021 )

Valgimigli M et al, J Am Coll Cardiol 2021; 78: 2060-2072

Cardio2021 Farma2021


Indietro