Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetti del trattamento con anticorpi anti-IL6R: modulazione della risposta infiammatoria sistemica dopo arresto cardiaco extraospedaliero - Studio IMICA


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità e mortalità attribuibile alla conseguente sindrome post-arresto cardiaco.
L'infiammazione sistemica costituisce una componente importante della sindrome post-arresto cardiaco e i livelli di IL-6 ( interleuchina-6 ) sono associati alla gravità della sindrome post-arresto cardiaco.

L'antagonista del recettore IL-6 ( IL6R ) Tocilizumab ( RoActemra ) potrebbe potenzialmente smorzare l'infiammazione nella sindrome post-arresto cardiaco.

L'obiettivo dello studio IMICA era determinare l'efficacia di Tocilizumab nel ridurre l'infiammazione sistemica dopo arresto cardiaco extraospedaliero di una presunta causa cardiaca, e quindi potenzialmente mitigare il danno d'organo.

Sono stati assegnati in modo casuale 80 pazienti in coma con arresto cardiaco extraospedaliero in uno studio in doppio cieco controllato con placebo a una singola infusione di Tocilizumab o placebo in aggiunta allo standard di cura, inclusa la gestione mirata della temperatura.
I campioni di sangue sono stati prelevati in sequenza durante le prime 72 ore.

L'endpoint primario era la riduzione della risposta della proteina C-reattiva ( PCR ) dal basale fino a 72 ore nei pazienti trattati con Tocilizumab, valutata mediante analisi a modello misto per l'interazione trattamento-tempo.

Gli end point secondari principali erano i marcatori dell'infiammazione: leucociti; i marcatori di danno miocardico: banda miocardica della creatina chinasi, troponina T e frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ); e il marcatore di danno cerebrale: enolasi neurone-specifica. Gli endpoint secondari sono stati analizzati mediante analisi a modello misto.

L'endpoint primario di riduzione della risposta della proteina C-reattiva da parte di Tocilizumab è stato raggiunto poiché c'è stata una significativa interazione trattamento-tempo ( P minore di 0.0001 ), e un profondo effetto sui livelli di proteina C-reattiva.

L'infiammazione sistemica è stata ridotta dal trattamento con Tocilizumab perché sia ​​i livelli di proteina C-reattiva che i leucociti si erano notevolmente ridotti; Tocilizumab versus placebo a 24 ore: -84% e -34%, rispettivamente ( entrambi P minore di 0.001 ).

Anche il danno miocardico è stato ridotto, documentato da riduzioni della banda miocardica della creatinchinasi e della troponina T; Tocilizumab rispetto al placebo a 12 ore: -36% e -38%, rispettivamente, entrambi P minore di 0.01.

Il frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B è stato ridotto in modo simile dal trattamento attivo; Tocilizumab versus placebo a 48 ore: -65% ( P minore di 0.001 ).
Non ci sono state differenze nella sopravvivenza o nell'esito neurologico.

Il trattamento con Tocilizumab ha determinato una significativa riduzione dell'infiammazione sistemica e del danno miocardico nei pazienti in coma rianimati da arresto cardiaco extraospedaliero. ( Xagena2021 )

Meyer MAS et al, Circulation 2021; 143: 1841-1851

Cardio2021 Farma2021


Indietro