Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetti di Dapagliflozin su sintomi, funzione e qualità di vita nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta: studio DAPA-HF


Gli obiettivi della gestione nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione comprendono la riduzione dei decessi e dei ricoveri e il miglioramento dello stato di salute ( sintomi, funzione fisica e qualità di vita ).

Nello studio DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse-Outcomes in Heart Failure ), l’inibitore del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 Dapagliflozin ( Forxiga ) ha ridotto i decessi e i ricoveri e migliorato i sintomi nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione.

Sono stati esaminati gli effetti di Dapagliflozin su una vasta gamma di esiti sullo stato di salute, utilizzando il questionario KCCQ ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire ).

KCCQ è stato valutato alla randomizzazione, a 4 e 8 mesi. I pazienti sono stati divisi per il punteggio totale dei sintomi KCCQ al basale ( TSS ); sono stati esaminati gli effetti di Dapagliflozin sugli eventi clinici in questi sottogruppi e sono stati anche valutati gli effetti di Dapagliflozin su KCCQ-TSS, il punteggio sommatorio clinico e il punteggio sommatorio generale.

Sono state eseguite analisi dei responder per confrontare le proporzioni di Dapagliflozin rispetto ai pazienti trattati con placebo con cambiamenti clinicamente significativi nel questionario KCCQ a 8 mesi.

In totale 4.443 pazienti avevano KCCQ disponibile al basale ( KCCQ-TSS mediano, 77.1 ).

Gli effetti di Dapagliflozin versus placebo sulla riduzione della morte cardiovascolare o del peggioramento dell'insufficienza cardiaca sono stati costanti nell'intervallo di KCCQ-TSS ( dal più basso al più alto terzile: hazard ratio, HR=0.70; 0.77; 0.62; P per eterogeneità=0.52 ).

I pazienti trattati con Dapagliflozin hanno mostrato un miglioramento maggiore del KCCQ-TSS medio, del punteggio sommatorio clinico e del punteggio sommatorio complessivo a 8 mesi ( 2.8, 2.5 e 2.3 punti in più rispetto al placebo; P minore di 0.0001 per tutti ).

Un minore numero di pazienti trattati con Dapagliflozin ha presentato un deterioramento del KCCQ-TSS ( odds ratio, OR=0.84; P minore di 0.0001 ); più pazienti hanno presentato almeno piccoli, moderati e grandi miglioramenti ( OR=1.15; 1.15; 1.14; numero necessario da trattare=14, 15 e 18, rispettivamente; P minore di 0.0001 per tutti; risultati costanti per il punteggio di KCCQ sommatorio clinico e sommatorio complessivo ).

Dapagliflozin ha ridotto la morte cardiovascolare e il peggioramento dell'insufficienza cardiaca nell'intervallo di KCCQ basale e ha migliorato i sintomi, la funzione fisica e la qualità di vita nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione.

Inoltre, Dapagliflozin ha aumentato la percentuale di pazienti che hanno riscontrato almeno piccoli, moderati e grandi miglioramenti dello stato di salute; questi effetti erano clinicamente importanti. ( Xagena2020 )

Kosiborod MN et al, Circulation 2020; 141: 90-99

Cardio2020 Farma2020


Indietro