Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Effetto della Metformina sulla funzione ventricolare sinistra dopo infarto miocardico acuto nei pazienti senza diabete


Il trattamento con Metformina ( Glucophage, MetBay ) è associato a un miglioramento dell'esito dopo infarto miocardico nei pazienti con diabete.
Negli studi sperimentali sugli animali la Metformina preserva la funzione ventricolare sinistra.

È stato valutato l'effetto del trattamento con Metformina sulla preservazione della funzione ventricolare sinistra nei pazienti senza diabete che presentano infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ) mediante uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, condotto tra 380 pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per infarto STEMI presso l’University Medical Center a Groningen, nei Paesi Bassi, nel periodo 2011-2013.
È stata somministrata Metformina cloridrato ( 500 mg ) ( n=191 ) oppure placebo ( n=189 ) 2 volte al giorno per 4 mesi.

La misura primaria di efficacia era la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) dopo 4 mesi, valutata con la risonanza magnetica.
Una misura di efficacia secondaria era la concentrazione del segmento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ( NT-proBNP ) dopo 4 mesi.
L'incidenza di eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE; endpoint combinato di morte, reinfarto, o rivascolarizzazione della lesione target ) è stata registrata entro 4 mesi come misura di efficacia secondaria.

A 4 mesi, tutti i pazienti erano vivi e nessuno di loro era stato perso al follow-up.

La FEVS era pari al 53.1% nel gruppo Metformina ( n=135 ), rispetto al 54.8% ( P=0.10 ) nel gruppo placebo ( n=136 ).

La concentrazione di NT-proBNP era 167 ng/l nel gruppo Metformina e 167 ng/l nel gruppo placebo ( P=0.66 ).

Gli eventi avevrsi cardiaci maggiori sono stati osservati in 6 pazienti ( 3.1% ) nel gruppo Metformina e in 2 pazienti ( 1.1% ) nel gruppo placebo ( P=0.16 ).

La concentrazione della creatinina ( 79 micromol/l vs 79 micromol/l, P=0.61 ) e della emoglobina glicata ( 5.9% vs 5.9%, P=0.15 ) non erano significativamente differenti tra i due gruppi.

Non sono stati osservati casi di acidosi lattica.

In conclusione, tra i pazienti senza diabete mellito con infarto STEMI e sottoposti a procedura PCI primaria, l'uso di Metformina rispetto al placebo non ha comportato una migliore frazione di eiezione del ventricolo sinistro dopo 4 mesi.
I presenti risultati non supportano l'uso di Metformina in questa condizione. ( Xagena2014 )

Lexis CPH et al, JAMA 2014; 311: 1526-1535

Cardio2014 Farma2014


Indietro