Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Effetto della Metformina sulla funzione ventricolare sinistra dopo infarto miocardico acuto nei pazienti senza diabete


Il trattamento con Metformina ( Glucophage, MetBay ) è associato a un miglioramento dell'esito dopo infarto miocardico nei pazienti con diabete.
Negli studi sperimentali sugli animali la Metformina preserva la funzione ventricolare sinistra.

È stato valutato l'effetto del trattamento con Metformina sulla preservazione della funzione ventricolare sinistra nei pazienti senza diabete che presentano infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ) mediante uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, condotto tra 380 pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per infarto STEMI presso l’University Medical Center a Groningen, nei Paesi Bassi, nel periodo 2011-2013.
È stata somministrata Metformina cloridrato ( 500 mg ) ( n=191 ) oppure placebo ( n=189 ) 2 volte al giorno per 4 mesi.

La misura primaria di efficacia era la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) dopo 4 mesi, valutata con la risonanza magnetica.
Una misura di efficacia secondaria era la concentrazione del segmento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ( NT-proBNP ) dopo 4 mesi.
L'incidenza di eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE; endpoint combinato di morte, reinfarto, o rivascolarizzazione della lesione target ) è stata registrata entro 4 mesi come misura di efficacia secondaria.

A 4 mesi, tutti i pazienti erano vivi e nessuno di loro era stato perso al follow-up.

La FEVS era pari al 53.1% nel gruppo Metformina ( n=135 ), rispetto al 54.8% ( P=0.10 ) nel gruppo placebo ( n=136 ).

La concentrazione di NT-proBNP era 167 ng/l nel gruppo Metformina e 167 ng/l nel gruppo placebo ( P=0.66 ).

Gli eventi avevrsi cardiaci maggiori sono stati osservati in 6 pazienti ( 3.1% ) nel gruppo Metformina e in 2 pazienti ( 1.1% ) nel gruppo placebo ( P=0.16 ).

La concentrazione della creatinina ( 79 micromol/l vs 79 micromol/l, P=0.61 ) e della emoglobina glicata ( 5.9% vs 5.9%, P=0.15 ) non erano significativamente differenti tra i due gruppi.

Non sono stati osservati casi di acidosi lattica.

In conclusione, tra i pazienti senza diabete mellito con infarto STEMI e sottoposti a procedura PCI primaria, l'uso di Metformina rispetto al placebo non ha comportato una migliore frazione di eiezione del ventricolo sinistro dopo 4 mesi.
I presenti risultati non supportano l'uso di Metformina in questa condizione. ( Xagena2014 )

Lexis CPH et al, JAMA 2014; 311: 1526-1535

Cardio2014 Farma2014


Indietro