Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto di Clopidogrel e Aspirina versus Aspirina da sola sulla emicrania dopo chiusura transcatetere dei difetti del setto atriale


Il verificarsi di attacchi di emicrania di nuova insorgenza è una complicanza della chiusura transcatetere dei difetti del setto atriale.
Si è ipotizzato che il Clopidogrel ( Plavix ) potesse ridurre gli attacchi di emicrania dopo la chiusura del difetto del setto atriale.

È stata valutata l'efficacia di Clopidogrel, utilizzato in aggiunta all’Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ), per la prevenzione degli attacchi di emicrania dopo la chiusura del difetto del setto atriale.

È stato effettuato uno studio clinico randomizzato in doppio cieco in 6 ospedali in Canada.
I partecipanti erano 171 pazienti con una indicazione di chiusura del difetto del setto atriale senza storia di emicrania.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la doppia terapia antiaggregante ( Aspirina + Clopidogrel, gruppo Clopidogrel, n=84 ) versus terapia antipiastrinica da sola ( Aspirina + placebo, gruppo placebo, n=87 ) per 3 mesi successivi alla chiusura transcatetere del difetto del setto atriale.

Il primo paziente è stato arruolato nel 2008, e l'ultimo follow-up è stato completato nel 2015.

L'esito primario di efficacia era il numero di giorni di emicrania mensile entro i 3 mesi successivi alla chiusura del difetto del setto atriale in tutta la popolazione dello studio.
L'incidenza e la gravità degli attacchi di emicrania di nuova insorgenza, valutate con il questionario MIDAS ( Migraine Disability Assessment ), erano endpoint secondari prespecificati.

L’età media dei partecipanti era di 49 anni e il 62% era rappresentato da donne.

I pazienti nel gruppo Clopidogrel hanno presentato un ridotto numero medio di giorni di emicrania al mese entro 3 mesi dopo la procedura ( 0.4 giorni ) rispetto al gruppo placebo ( 1.4 giorni; differenza, -1.02 giorni; rapporto di rischio incidente IRR, 0.61; P=0.04 ) e una minore incidenza di attacchi di emicrania in seguito alla chiusura del difetto del setto atriale ( 9.5% per il gruppo Clopidogrel vs 21.8% per il gruppo placebo; differenza, -12.3%; odds ratio, OR, 0.38; P=0.03 ).

Tra i pazienti con emicrania, quelli nel gruppo Clopidogrel sono andati incontro a un numero inferiore di attacchi di emicrania ( zero pazienti con attacchi di emicrania moderatamente o gravemente invalidanti vs 7 pazienti, 37%, nel gruppo placebo; differenza, -36.8%; P=0.046 ).

Non ci sono state differenze tra i gruppi nel tasso di pazienti con almeno 1 evento avverso ( 16.7%, 14 pazienti, nel gruppo Clopidogrel vs 21.8%, 19 pazienti nel gruppo placebo; differenza, -5.2%; P=0.44 ).

In conclusione, tra i pazienti che sono stati sottoposti a chiusura transcatetere del difetto del setto atriale, l'uso di Clopidogrel e Aspirina, rispetto alla sola Aspirina, ha determinato una frequenza mensile inferiore di attacchi di emicrania in 3 mesi.
Sono necessari ulteriori studi per valutare la generalizzabilità e la durata di questo effetto. ( Xagena2015 )

Rodés-Cabau J et al, JAMA 2015; 314: 2147-2154

Cardio2015 Neuro2015 Farma2015


Indietro