Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Effetto di Dapagliflozin sugli esiti clinici nei pazienti con malattia renale cronica, con e senza malattia cardiovascolare


Dapagliflozin ( Forxiga ) riduce il rischio di malattia renale allo stadio terminale nei pazienti con malattia renale cronica.
È stato esaminato il rischio relativo di eventi cardiovascolari e renali in questi pazienti e l'effetto di Dapagliflozin su entrambi i tipi di evento, tenendo conto della storia di malattia cardiovascolare.

Nello studio DAPA-CKD ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse Outcomes in Chronic Kidney Disease ), 4.304 partecipanti con malattia renale cronica sono stati assegnati in modo casuale a Dapagliflozin 10 mg una volta al giorno oppure placebo.

L'endpoint primario era un composito di declino sostenuto della velocità di filtrazione glomerulare stimata del 50% o superiore, malattia renale allo stadio terminale o morte renale o cardiovascolare.
Gli endpoint secondari erano l'esito composito renale ( endpoint primario meno morte cardiovascolare ), il composito di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare e morte per tutte le cause.

In un'analisi di sottogruppi prespecificati, i pazienti sono stati suddivisi in sottogruppi di prevenzione primaria e secondaria in base alla storia di malattia cardiovascolare.

I pazienti con prevenzione secondaria ( n=1.610; 37.4% ) erano più anziani, erano più spesso maschi, avevano una pressione sanguigna e un indice di massa corporea [ BMI ] più alti e avevano maggiori probabilità di soffrire di diabete mellito.

La velocità di filtrazione glomerulare media stimata e il rapporto mediano albumina / creatinina urinarie sono stati simili nei gruppi di prevenzione primaria e secondaria.
I tassi di esiti cardiovascolari avversi sono stati più alti nel gruppo di prevenzione secondaria, ma l'insufficienza renale si è verificata allo stesso tasso nei gruppi di prevenzione primaria e secondaria.

Dapagliflozin ha ridotto il rischio di esito composito primario in misura simile sia nel gruppo di prevenzione primaria ( hazard ratio, HR=0.61 ) che secondaria ( HR=0.61 ) ( P interazione=0.90 ).
Questo dato è rimasto vero anche per il composito di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare ( HR=0.67 vs HR=0.70, rispettivamente; P per interazione=0.88 ) e mortalità per tutte le cause ( HR=0.63 vs HR=0.70, rispettivamente; P per interazione=0.71 ).

I tassi di eventi avversi sono stati complessivamente bassi e non sono variati tra i pazienti con e senza malattie cardiovascolari.

Dapagliflozin ha ridotto il rischio di insufficienza renale, morte per cause cardiovascolari o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e ha prolungato la sopravvivenza nelle persone con malattia renale cronica, con o senza diabete mellito di tipo 2, indipendentemente dalla presenza di malattie cardiovascolari concomitanti. ( Xagena2021 )

McMurray JJV et al, Circulation 2021; 143: 438-448

Cardio2021 Nefro2021 Endo2021 Farma2021


Indietro