52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Esiti della terapia di resincronizzazione cardiaca con o senza defibrillazione in pazienti con cardiomiopatia non-ischemica


Recenti studi hanno messo in dubbio il beneficio della terapia di resincronizzazione cardiaca ( CRT ) con defibrillazione ( CRT-D ) rispetto alla stimolazione con pacing ( CRT-P ) per i pazienti con cardiomiopatia non-ischemica.
La cicatrice del miocardio ventricolare sinistro fa presagire esiti clinici sfavorevoli.

Uno studio ha determinato se CRT-D sia superiore a CRT-P nei pazienti con cardiomiopatia non-ischemica con (+) o senza (-) fibrosi della parete media ventricolare sinistra ( MWF ), rilevata dalla risonanza magnetica cardiaca.

Gli eventi clinici sono stati quantificati in pazienti con cardiomiopatia non-ischemica che erano +MWF ( n=68 ) o -MWF ( n=184 ) sottoposti a risonanza magnetica cardiaca prima dell'impianto del dispositivo CRT.

Nella popolazione totale dello studio, +MWF è emerso come un predittore indipendente di mortalità totale ( hazard ratio aggiustato, aHR: 2.31 ), mortalità totale o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( aHR: 2.02 ), mortalità totale o ospedalizzazione per eventi avversi cardiaci maggiori ( aHR: 2.02 ), morte per insufficienza della pompa ( aHR: 1.95 ) e morte cardiaca improvvisa ( aHR: 3.75 ) per un periodo massimo di follow-up di 14 anni ( mediana 3.8 anni per +MWF e 4.6 anni per -MWF ).

In analisi separate di +MWF e -MWF, la mortalità totale ( aHR: 0.23 ), la mortalità totale o l’ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( aHR: 0.32 ) e la mortalità totale o ospedalizzazione per eventi avversi cardiaci maggiori ( aHR: 0.30 ) sono state più basse dopo CRT-D che dopo CRT-P in pazienti +MWF ma non in pazienti -MWF.

In conclusione, nei pazienti con cardiomiopatia non-ischemica, CRT-D è stata superiore a CRT-P in pazienti +MWF ma non -MWF.
Questi risultati hanno implicazioni per la scelta della terapia con dispositivi in ​​pazienti con cardiomiopatia non-ischemica. ( Xagena2017 )

Leyva F et al, J Am Coll Cardiol 2017, 70: 1216-1227

Cardio2017



Indietro