Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Esito chirurgico di stenosi sottovalvolare aortica discreta negli adulti


La stenosi sottovalvolare aortica discreta è nota per la sua progressione emodinamica imprevedibile durante l'infanzia e per l’alto tasso di reintervento; tuttavia, i dati relativi all’età adulta sono scarsi.

I pazienti adulti in precedenza sottoposti a intervento chirurgico per stenosi sottoaortica discreta sono stati inclusi in uno studio retrospettivo di coorte multicentrico.

È stata valutata la progressione postoperatoria della stenosi sottovalvolare aortica discreta e del rigurgito aortico, così come il reintervento.

In totale sono stati inclusi 313 pazienti di quattro Centri ( età al basale, 20.2 anni; 52% maschi ).
La durata media del follow-up è stata di 12.9 anni ( 5.617 anni-paziente ).

Il gradiente di picco istantaneo del tratto di efflusso del ventricolo sinistro è diminuito da 75.7 mmHg in fase preoperatoria a 15.1 mmHg dopo l'intervento ( P minore di 0.001 ) e successivamente è aumentato nel tempo a un tasso di 1.31 mmHg/anno ( P=0.001 ).

Un lieve rigurgito aortico è stato presente nel 68% dei casi, ma in genere non è progredito nel tempo ( P=0.76 ).

Un gradiente del tratto di efflusso del ventricolo sinistro preoperatorio maggiore o uguale a 80 mmHg era un predittore di progressione verso una moderata insufficienza aortica post-operatoria.

Ottanta pazienti hanno richiesto almeno 1 reintervento ( 1.8% per anno-paziente ).
I predittori di reintervento hanno incluso il sesso femminile ( hazard ratio, HR=1.53 ) e la progressione del gradiente del tratto di efflusso del ventricolo sinistro ( HR=1.45 ).

Una miectomia supplementare non ha ridotto il rischio di reintervento ( P=0.92 ) ma ha aumentato significativamente il rischio di un blocco cardiaco completo con necessità di impianto di un pacemaker ( 8.1% vs 1.7%; P=0.005 ).

In conclusione, la sopravvivenza è eccellente dopo l'intervento chirurgico per stenosi sottovalvolare aortico discreta; tuttavia, un reintervento per recidiva non è raro.
Nel corso del tempo, il gradiente del tratto di efflusso del ventricolo sinistro è aumentato lentamente ed è stato di comune riscontro un lieve rigurgito aortico, anche se generalmente non è progredito nel tempo.
La miectomia non ha mostrato ulteriori vantaggi, e poiché è associata a un aumentato rischio di blocco cardiaco completo, non dovrebbe essere eseguita di routine. ( Xagena2013)

van der Linde D et al, Circulation 2013; 127: 1184-1191

Cardio2013 Chiru2013



Indietro