Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Influenza dei fattori di rischio cardiovascolare convenzionali e delle caratteristiche dello stile di vita sulla malattia cardiovascolare dopo trapianto di cellule emopoietiche


È stato condotto uno studio per determinare l’influenza dei fattori modificabili legati allo stile di vita sul rischio di malattia cardiovascolare dopo trapianto di cellule ematopoietiche.

I sopravvissuti per un periodo uguale o superiore a 1 anno a trapianto di cellule ematopoietiche trattati tra il 1970 e il 2010 ( n=3833 ) sono stati interrogati tra il 2010 e il 2011 sull’attuale salute cardiovascolare e i fattori di stile di vita collegati ( fumo, dieta, attività fisica nel tempo libero ).

Le risposte ( n=2362 ) sono state confrontate con quelle di un campione di popolazione generale ( National Health and Nutrition Examination Survey [ NHANES ]; n=1192 ).

Rispetto ai partecipanti dello studio NHANES, i sopravvissuti a trapianto di cellule ematopoietiche ( età mediana, 55.9 anni; mediana 10.8 anni dal trapianto di cellule ematopoietiche; 71.3% allogenico ) hanno mostrato tassi più elevati di cardiomiopatia ( 4.0% vs 2.6% ), ictus ( 4.8% vs 3.3% ), dislipidemia ( 33.9% vs 22.3% ) e diabete mellito ( 14.3% vs 11.7%; P inferiore a 0.05 per tutti i confronti ).

La prevalenza di ipertensione è risultata simile ( 27.9% vs 30.0% ), e i sopravvissuti hanno mostrato minori probabilità di avere cardiopatia ischemica ( 6.1% vs 8.9%; P inferiore a 0.01 ).

Tra i sopravvissuti a trapianto di cellule emopoietiche, ipertensione, dislipidemia e diabete mellito sono risultati essere fattori di rischio indipendenti per cardiopatia ischemica e cardiomiopatia; il fumo è risultato associato a cardiopatia ischemica e diabete ( odds ratios [ OR ], da 1.8 a 2.1; P=0.02 ).

L’obesità è risultata essere un fattore di rischio per ipertensione, dislipidemia e diabete post-trapianto ( OR uguali o superiori a 2.0; P inferiore a 0.001 ).

Di contro, una più bassa assunzione di frutta / vegetali è risultata associata a un rischio più elevato di dislipidemia e diabete ( OR da 1.4 a 1.8; P inferiore a 0.01 ), e un più basso livello di attività fisica a un maggior rischio di ipertensione e diabete ( OR da 1.4 a 1.5; P inferiore a 0.05 ).

Caratteristiche di stile di vita più sano nei sopravvissuti a trapianto di cellule emopoietiche hanno attenuato il rischio per tutte le condizioni cardiovascolari valutate.

In conclusione, l’attenzione dei medici ai fattori di rischio cardiovascolare convenzionali e alle caratteristiche modificabili legate allo stile di vita, offre la speranza di ridurre la morbilità cardiovascolare grave dopo trapianto di cellule ematopoietiche. ( Xagena2014 )

Chow EJ et al, J Clin Oncol 2014; 32: 191-198

Emo2014 Cardio2014



Indietro