Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La dimensione dell’infarto miocardico post-PCI predittiva di mortalità a 1 anno


Un’analisi aggregata di 10 studi ha mostrato che la dimensione dell'infarto miocardico dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario per infarto STEMI ( infarto miocardico con sopraslivellamento ST ) è fortemente predittiva di successiva mortalità per qualsiasi causa e di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

Data la forte associazione tra le dimensioni dell'infarto, misurato entro 30 giorni con la risonanza magnetica oppure con la SPECT (tomografia computerizzata a emissione di singolo fotone ), e gli esiti a 1 anno, la dimensione del danno arrecato al ventricolo sinistro potrebbe rappresentare un utile endpoint surrogato per futuri studi in pazienti con infarto STEMI.

Lo studio ha riguardato 2.376 pazienti con infarto STEMI sottoposti a PCI primario. Tre studi hanno utilizzato la SPECT per misurare le dimensioni dell'infarto miocardico, mentre 7 hanno fatto uso della risonanza magnetica.
In media, la dimensione infartuale è stata misurata 5 giorni dopo la procedura PCI.

Solo il 6.5% dei pazienti aveva sofferto in passato di infarto miocardico.

Il tempo door-to-balloon ( tempo compreso tra ingresso in ospedale e trattamento ) è stato di 63 minuti e il tempo symptom-onset-to-balloon ( tempo compreso tra esordio dei sintomi e trattamento ) era di 232 minuti.

A un anno, il tasso di mortalità è stato pari al 2.0%.

In totale, il 2.5% dei pazienti è andato incontro a un infarto miocardico, il 2.7% è stato ricoverato in ospedale per insufficienza cardiaca, e il 6.2% ha sperimentato l'endpoint combinato di morte / infarto miocardico / ospedalizzazione per scompenso cardiaco.

La dimensione mediana dell'infarto è stata pari al 18.0% ( valutata come percentuale della massa ventricolare sinistra ).
Per i pazienti che sono morti a 1 anno, la dimensione dell'infarto era significativamente maggiore rispetto a quella di coloro che sono sopravvissuti.
Allo stesso modo, quelli ospedalizzati per insufficienza cardiaca entro un anno avevano una dimensione dell'infarto significativamente maggiore rispetto a quelli che non sono stati ospedalizzati per scompenso cardiaco.
Per i pazienti che sono stati di nuovo ricoverati per infarto miocardico, la dimensione dell'infarto è risultata significativamente maggiore, anche se la relazione non era così forte.

Quando i ricercatori hanno analizzato le dimensioni dell'infarto per quartili, hanno osservato una significativa associazione tra la dimensione della miocardico e la mortalità a un anno.
Un'associazione simile è stata osservata per i ricoveri per insufficienza cardiaca, ma non per il reinfarto.

In un modello multivariato, la dimensione dell'infarto era predittiva di mortalità, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, e l’endpoint composito, ma non era predittiva di reinfarto.

I ricercatori hanno scoperto che SPECT e risonanza magnetica sono ugualmente accurate nel predire gli esiti clinici in base alle dimensioni dell'infarto miocardico. ( Xagena2014 )

Fonte: Transcatheter Cardiovascular Therapeutics ( TCT ), 2014

Cardio2014



Indietro