Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Monoterapia con un inibitore P2Y12 o Aspirina per la prevenzione secondaria nei pazienti con aterosclerosi accertata


La terapia antipiastrinica è raccomandata nei pazienti con aterosclerosi accertata. È stata confrontata la monoterapia con un inibitore P2Y12 rispetto all'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) per la prevenzione secondaria.

In una revisione sistematica e meta-analisi, tutti gli studi randomizzati che hanno confrontato l'inibitore P2Y12 con Aspirina in monoterapia per la prevenzione secondaria in pazienti con malattia cerebrovascolare, coronarica o periferica sono stati valutati per l’inclusione.

Sono stati raccolti dati sull'anno di pubblicazione, criteri di inclusione ed esclusione, dimensione del campione, caratteristiche dei pazienti al basale inclusa la condizione al basale che ha determinato l'inclusione nello studio ( malattia cerebrovascolare, arteriosa coronarica o periferica ), tipo e dosaggio di inibitore P2Y12, dosaggio di Aspirina, definizioni degli endpoint, stime degli effetti, durata del follow-up e percentuale di pazienti persi al follow-up.

Gli endpoint co-primari erano infarto miocardico e ictus. Gli endpoint secondari chiave erano la morte per tutte le cause e la morte vascolare.
L'eterogeneità è stata valutata con l'indice I2.

In questo studio sono stati identificati e inclusi in totale 9 studi randomizzati e sono stati inclusi nelle analisi 42.108 pazienti assegnati in modo casuale a un inibitore P2Y12 ( n=21.043 ) o Aspirina ( n=21.065 ).

I pazienti che hanno ricevuto un inibitore P2Y12 hanno avuto una riduzione borderline per il rischio di infarto del miocardio rispetto a quelli che hanno ricevuto l'Aspirina ( odds ratio, OR=0.81; I2=10.9% ). I rischi di ictus ( OR=0.93; I2=34.5% ), morte per qualsiasi causa ( OR=0.98; I2=0% ) e morte vascolare ( OR=0.97; I2=0% ) non sono variati tra i pazienti trattati con un inibitore P2Y12 e quelli trattati con Aspirina.

Allo stesso modo, il rischio di sanguinamento maggiore ( OR=0.90; I2=3.9% ) non è variato tra i pazienti trattati con un inibitore P2Y12 e quelli trattati con Aspirina.

Il numero necessario da trattare ( NNT ) per prevenire un infarto miocardico con monoterapia con inibitore P2Y12 è stato di 244 pazienti.
I risultati sono stati costanti indipendentemente dal tipo di inibitore P2Y12 utilizzato.

Rispetto alla monoterapia con Aspirina, la monoterapia con inibitore P2Y12 è associata a una riduzione del rischio di infarto del miocardio e a un rischio comparabile di ictus nel contesto della prevenzione secondaria.

Il beneficio della monoterapia con inibitori P2Y12 è di rilevanza clinica discutibile, in considerazione dell'elevato numero necessario da trattare per prevenire un infarto del miocardio e l'assenza di effetti sulla mortalità per tutte le cause e per cause vascolari. ( Xagena2020 )

Chiarito M et al, Lancet 2020; 395: 1487-1495

Cardio2020 Farma2020


Indietro