52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Mortalità dopo cardiochirurgia congenita pediatrica: analisi delle cause di morte


La ricerca precedente si è concentrata sugli esiti precoci dopo la cardiochirurgia congenita, ma meno si sa sui rischi successivi.
Sono state determinate le cause tardive di morte tra i pazienti pediatrici e giovani adulti ( meno di 21 anni di età ) sopravvissuti alla chirurgia cardiaca congenita iniziale.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo condotto dal Pediatric Cardiac Care Consortium, un registro statunitense di interventi per cardiopatie congenite ( CHD ).
Escludendo i pazienti con anomalie cromosomiche o identificatori inadeguati, sono stati confrontati coloro che sono sopravvissuti al primo intervento cardiochirurgico congenito ( 1982-2003 ) con l'indice nazionale di morte fino al 2014.

Le cause di morte sono state ottenute dall'indice nazionale di morte per calcolare i tassi di mortalità standardizzati ( SMR ) specifici per la causa.
Tra 31.132 pazienti, 2.527 decessi ( 8.1% ) si sono verificati in un periodo di follow-up mediano di 18 anni.
Le cause di morte variavano per tempo dopo l'intervento chirurgico e gravità della cardiopatia congenita, ma, nel complesso, il 69.9% dei decessi è stato attribuito alla malattia cardiaca congenita o a un'altra malattia cardiovascolare, con un SMR per cardiopatia congenita / disturbo cardiovascolare di 67.7.

Gli odds ratio ( OR ) aggiustati hanno rivelato un aumento del rischio di morte per cardiopatia congenita / disturbo cardiovascolare nelle femmine ( OR=1.28; P=0.018 ) con i principali disturbi cardiovascolari che hanno contribuito alla morte rappresentati da arresto cardiaco ( 16.8% ), insufficienza cardiaca ( 14.8% ) e aritmie ( 9.1% ).
Altre principali cause di morte comprendevano malformazioni congenite coesistenti ( 4.7%, SMR: 7.0 ), malattie respiratorie ( 3.6%, SMR: 8.2 ), infezioni ( 3.4%, SMR: 8.2 ) e neoplasie ( 2.1%, SMR: 1.9 ).

In conclusione, i sopravvissuti alla cardiochirurgia congenita affrontano rischi a lungo termine di mortalità prematura legati principalmente alla patologia cardiaca congenita residua, insufficienza cardiaca e aritmie, ma anche ad altre condizioni non-cardiache.
Il monitoraggio continuo è necessario per identificare i fattori target per affrontare le morbilità residue e migliorare gli esiti a lungo termine. ( Xagena2018 )

McCracken C et al, J Am Heart Assoc 2018; 7(22):e010624. doi: 10.1161/JAHA.118.010624.

Cardio2018 Pedia2018 Chiru2018



Indietro