Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Mortalità nei pazienti trattati con doppia terapia antiaggregante a durata prolungata dopo impianto di stent a rilascio di farmaco


Nonostante recenti studi, la durata ottimale della doppia terapia antiaggregante ( DAPT ) dopo impianto di stent a rilascio di farmaco coronarico rimane incerta.
È stata effettuata una meta-analisi con diversi approcci analitici per indagare la mortalità e gli altri risultati clinici con diverse strategie della duplice terapia antiaggregante.

Sono stati cercati studi randomizzati controllati che hanno confrontato diverse durate di duplice terapia antiaggregante dopo impianto di stent.
La durata di DAPT è stata classificata in ogni studio come più corta o più lunga, e di 6 mesi o periodo più breve, 1 anno o più di 1 anno.

Sono stati identificati dieci studi pubblicati tra il 2011 e il 2014, inclusi 31.666 pazienti assegnati in modo casuale.

La più breve duplice terapia antiaggregante è stata associata a mortalità più bassa in modo significativo rispetto a duplice terapia antiaggregante più lunga ( hazard ratio, HR=0.82, P=0.02; numero necessario da trattare, NNT=325 ), con nessuna significativa eterogeneità evidente in tutti gli studi.

La riduzione della mortalità con duplice terapia antiaggregante più breve rispetto a più lunga è stata attribuibile a più bassa mortalità non-cardiaca ( 0.67, P=0.006; NNT=347 ), con mortalità cardiaca simile ( 0.93, P=0.52 ).

La più breve durata della duplice terapia antiaggregante è risultata anche associata a un minor rischio di sanguinamento maggiore, ma a un più alto rischio di infarto miocardico e trombosi dello stent.

Nella meta-analisi, i pazienti trattati con 6 mesi o meno di duplice terapia antiggregante e 1 anno di DAPT hanno presentato un più alto rischio di infarto miocardico e di trombosi da stent, ma un minore rischio di mortalità rispetto ai pazienti trattati con DAPT per più di 1 anno.

I pazienti trattati con duplice terapia antiaggregante per 6 mesi o periodo inferiore avevano tassi simili di mortalità, infarto del miocardio e trombosi dello stent, ma più bassi tassi di sanguinamento maggiore rispetto ai pazienti trattati con duplice terapia antiaggregante per più di 1 anno.

Anche se il trattamento con la duplice terapia antiaggregante oltre 1 anno dopo l’impianto di stent a rilascio di farmaco riduce l'infarto miocardico e la trombosi dello stent, è associato a un aumento della mortalità a causa di un aumentato rischio di mortalità non-cardiovascolare non-compensata da una riduzione della mortalità cardiaca. ( Xagena2015 )

Palmerini T et al, Lancet 2015;385:2371-2382

Cardio2015 Farma2015


Indietro