Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Pazienti con insufficienza cardiaca con diabete e/o malattia renale cronica, Finerenone, un antagonista del recettore dei mineralcorticoidi non-steroideo, può offrire una protezione d'organo più pronunciata rispetto a Eplerenone


Nei pazienti con insufficienza cardiaca con diabete mellito e/o malattia renale cronica, un nuovo antagonista dei recettori dei mineralcorticoidi ( MRA ), non-steroideo, Finerenone è risultato più efficace del MRA attualmente approvato, Eplerenone ( Inspra ), nel ridurre il biomarcatore di insufficienza cardiaca NT-proBNP ( frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ).
Ma i risultati dello studio ARTS-HF suggeriscono che Finerenone può offrire una protezione d'organo più pronunciata rispetto a Eplerenone.

Mentre Finerenone non è risultato superiore per l'outcome primario dello studio, era più efficace di Eplerenone per l'endpoint composito secondario di morte per qualsiasi causa, ospedalizzazioni per cause cardiovascolari, o presentazione al Dipartimento di Emergenza per peggioramento della insufficienza cardiaca.

Gli studi preclinici hanno mostrato che Finerenone offre una maggiore protezione cardiaca e ha un diverso legame al recettore rispetto ad Eplerenone, e questo potrebbe essere il meccanismo di maggiore protezione d'organo che potrebbe spiegare il miglior esito.
Se confermato da studi randomizzati su larga scala, prospettici, adeguatamente pesati, questo potrebbe avere importanti implicazioni in clinica.

ARTS-HF ( minerAlocorticoid Receptor antagonist Tolerability Study-Heart Failure ) ha riguardato 1.055 pazienti, età media 71 anni, che si sono presentati al Pronto soccorso con peggioramento della insufficienza cardiaca e del diabete mellito tipo 2, e/o malattia renale cronica.

I pazienti sono stati randomizzati in sei gruppi, un gruppo ha ricevuto Eplerenone, e gli altri cinque gruppi hanno ricevuto diverse dosi di Finerenone per 90 giorni.

L'endpoint primario era la percentuale di individui con più di una diminuzione del 30% nei valori plasmatici di NT-proBNP dal basale al giorno 90, con un endpoint secondario clinico composito di morte per qualsiasi causa, ospedalizzazioni per cause cardiovascolari, o presentazione al Dipartimento di Emergenza per peggioramento della insufficienza cardiaca cronica.

Il dosaggio di tutti i farmaci è stato aggiustato nel corso dello studio.

Il gruppo Eplerenone ha assunto inizialmente una dose di 25 mg a giorni alterni, e successivamente aumentando a 25 mg al giorno al 30°giorno, con un incremento della dose a 50 mg al giorno al 60° giorno.

I gruppi Finerenone hanno iniziato con 2.5 mg, 5 mg, 7.5 mg, 10 mg oppure 15 mg al giorno, 5 mg, 10 mg, 15 mg, 20 mg e 20 mg, rispettivamente, al 30° giorno, a condizione che i livelli di potassio plasmatico fossero rimasto pari o inferiori a 5.0 mmol/L.

Al 90°giorno, una percentuale simile di pazienti in ciascun gruppo aveva raggiunto l'endpoint primario di una diminuzione superiore del 30% nei livelli plasmatici di NT-proBNP ( 37.2% nel braccio Eplerenone rispetto al 30.9%, 32.5%, 37.3%, 38.8% e 34.2% in ciascuno dei gruppi di dosaggio di Finerenone ).

L'endpoint clinico composito secondario si è verificato meno frequentemente in tutti i pazienti trattati con Finerenone ( fatta eccezione per la dose più bassa ) rispetto ai pazienti che avevano ricevuto Eplerenone, con la maggiore riduzione del rischio nei pazienti trattati con Finerenone che avevano iniziato con il dosaggio di 10 mg al giorno ( hazard ratio, HR = 0.56; P nominale = 0.0157 )
.
I singoli endpoint secondari sono risultati diminuiti nei gruppi Finerenone rispetto a Eplerenone, tra cui ospedalizzazione cardiovascolare ( HR=0.56; p=0.0229 ), mortalità per tutte le cause ( p=0.0262 ), e mortalità cardiovascolare ( p=0.0108 ); la qualità di vita riferita dal paziente era anche migliore con Finerenone a partire da dosi di 7.5 e di 10 mg al giorno, rispetto al gruppo Eplerenone.

Gli eventi avversi, tra cui quelli che conducono alla sospensione del farmaco, sono risultati simili tra i due gruppi, e aumenti di potassio di 5.6 mmol/L o valori superiori si sono verificati con una simile incidenza ( 4.3% in entrambi i gruppi ).

Finerenone è altamente cardioselettivo rispetto a Eplerenone: studi preclinici hanno dimostrato che Finerenone offre maggiore protezione cardiaca di Eplerenone. Questo può essere in parte spiegato con la differenza di biodistribuzione di Finerenone e Eplerenone.
Eplerenone, così come lo Spironolattone, presenta una più alta distribuzione ai reni rispetto al cuore, mentre Finerenone è equamente distribuito al rene e al cuore fornendo in tal modo una relativamente maggiore protezione cardiaca rispetto al rene. ( Xagena2015 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Meeting, 2015

Cardio2015 Nefro2015 Farma2015


Indietro