Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Presentazione clinica ed esito in una coorte di pazienti con miocardite acuta


Vi sono controversie sull'esito dei pazienti con miocardite acuta, e mancano dati sul modo in cui i pazienti ammessi con sospetta miocardite acuta sono gestiti.

Sono state riportate caratteristiche, gestione ospedaliera ed esiti a lungo termine dei pazienti con miocardite acuta in un Registro multicentrico retrospettivo di 19 ospedali italiani.

In totale 684 pazienti con sospetto di miocardite acuta e insorgenza recente di sintomi ( inferiore a 30 giorni ) sono stati sottoposti a screening tra il 2001 e il 2017.
Sono stati esclusi i pazienti di età superiore a 70 anni e quelli di età superiore a 50 anni senza angiografia coronarica.

La popolazione finale dello studio comprendeva 443 pazienti ( età media, 34 anni, 19.4% di sesso femminile ) con miocardite acuta diagnosticata mediante biopsia endomiocardica o aumento della troponina più edema e captazione tardiva del Gadolinio alla risonanza magnetica cardiaca.

Alla presentazione, 118 pazienti ( 26.6% ) avevano la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) inferiore al 50%, aritmie ventricolari sostenute o sindrome da bassa gittata cardiaca, mentre 325 ( 73.4% ) non presentavano tali complicanze.

La biopsia endomiocardica è stata eseguita in 56 su 443 pazienti ( 12.6% ) e una risonanza magnetica cardiaca al basale è stata eseguita in 415 su 443 ( 93.7% ).

La mortalità cardiaca più i tassi di trapianto cardiaco a 1 e 5 anni sono stati, rispettivamente, del 3.0% e 4.1%.
La mortalità cardiaca più i tassi di trapianto cardiaco sono stati dell'11.3% e del 14.7% nei pazienti con presentazione complicata e 0% nei casi non-complicati (log-rank P minore di 0.0001 ).

Eventi cardiaci maggiori correlati alla miocardite acuta dopo la fase acuta ( morte post-dimissione e trapianto cardiaco, aritmie ventricolari sostenute trattate con elettrocuzione o ablazione, insufficienza cardiaca sintomatica con necessità di impianto del dispositivo ) si sono verificati nel 2.8% dei pazienti al follow-up a 5 anni, con un aumento dell’incidenza nei pazienti con forme complicate ( 10.8% versus 0% nella miocardite acuta non-complicata; log-rank P minore di 0.0001 ).

I bloccanti dei beta-adrenorecettori sono stati i farmaci più frequentemente utilizzati sia nelle forme complicate ( 61.9% ) che nelle forme non-complicate ( 53.8%; P=0.18 ).

Dopo un tempo medio di 196 giorni, 200 pazienti sono stati sottoposti a una risonanza magnetica cardiaca di follow-up e 8 su 55 ( 14.5% ) con complicanze alla presentazione avevano una frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 50% rispetto a 1 su 145 ( 0.7% ) tra quelli con presentazione non-complicata.

In conclusione, in questo studio gli eventi avversi gravi complessivi dopo miocardite acuta sono stati inferiori a quelli precedentemente riportati.
Tuttavia, i pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 50%, aritmie ventricolari o sindrome da bassa gittata cardiaca alla presentazione presentavano un rischio maggiore rispetto ai casi non-complicati con prognosi benigna e basso rischio di successiva disfunzione sistolica ventricolare sinistra. ( Xagena2018 )

Ammirati E et al, Circulation 2018; 138: 1088-1099

Cardio2018



Indietro