Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Prevenzione secondaria delle malattie cardiovascolari nei pazienti con diabete mellito di tipo 2: approfondimenti dello studio TECOS


I cambiamenti intensivi dei fattori di rischio migliorano in modo significativo gli esiti nei pazienti con diabete mellito e malattie cardiovascolari. Tuttavia, è sconosciuto il grado raggiunto dagli obiettivi del trattamento di prevenzione secondaria nella pratica clinica internazionale.

È stato valutato il raggiungimento di 5 parametri di prevenzione secondaria come uso di Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ], controllo dei lipidi ( colesterolo LDL minore di 70 mg/dl o terapia con statine ), controllo della pressione arteriosa ( inferiore a 140 mm Hg sistolica, inferiore a 90 mm Hg diastolica ), uso di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace inibitori ) o uso di bloccanti dei recettori dell'angiotensina ( sartani ) e stato di non-fumatore, in 13,616 pazienti provenienti da 38 Paesi con diabete mellito e patologia cardiovascolare nota all'ingresso dello studio TECOS ( Trial Evaluating Cardiovascular Outcomes With Sitagliptin ).

È stata valutata l'associazione tra fattori individuali e regionali e i risultati di prevenzione secondaria al basale ed è stata determinata l'associazione tra risultati di prevenzione secondaria al basale e morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus.

Complessivamente, il 29.9% dei pazienti con diabete mellito e malattie cardiovascolari ha raggiunto tutti e 5 i parametri di prevenzione secondaria al basale, sebbene il 71.8% abbia raggiunto almeno 4 parametri.
Il Nord America ha avuto la percentuale più alta ( 41.2% ), mentre l'Europa occidentale, l'Europa orientale e l'America latina hanno avuto una percentuale di circa il 25%.

Individualmente, il controllo della pressione arteriosa ( 57.9% ) ha avuto il valore di conseguimento più basso, mentre lo stato di non-fumatore ha avuto il valore più alto ( 89% ).

Durante un follow-up mediano di 3 anni, un punteggio di prevenzione secondaria basale più alto è stato associato a esiti migliori in una relazione graduale ( aHR=0.60 per quei pazienti che hanno raggiunto tutte e 5 le misure contro quelli che ne hanno raggiunte 2 o meno ).

In conclusione, in una popolazione di uno studio internazionale esistono opportunità significative per migliorare la qualità dell'assistenza cardiovascolare di prevenzione secondaria tra i pazienti con diabete mellito e malattie cardiovascolari, che a loro volta potrebbero portare a un ridotto rischio di eventi cardiovascolari a valle. ( Xagena2017 )

Pagidipati NJ et al, Circulation 2017; 136: 1193-1203

Cardio2017 Endo2017



Indietro