Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Procedura PCI: stent a base di polimeri o privi di polimeri nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento


Gli stent rivestiti di farmaco privi di polimeri forniscono risultati clinici superiori rispetto agli stent di metallo nudo in pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e trattati con 1 mese di doppia terapia antipiastrinica.
I dati sull'uso di stent a rilascio di farmaco a base di polimeri rispetto agli stent rivestiti di farmaco privi di polimeri in tali pazienti sono limitati.

In uno studio internazionale, randomizzato, in singolo cieco, sono stati confrontati gli stent a rilascio di Zotarolimus a base di polimeri con stent rivestiti di Umirolimus privi di polimeri in pazienti ad alto rischio di sanguinamento.

Dopo PCI, i pazienti sono stati trattati con 1 mese di doppia terapia antipiastrinica, seguita da singola terapia antipiastrinica.

L'esito primario era un composito di sicurezza di morte per cause cardiache, infarto del miocardio o trombosi dello stent a 1 anno.
L'esito secondario principale era fallimento della lesione target, un composito di morte per cause cardiache, infarto miocardico del vaso target o rivascolarizzazione della lesione target clinicamente indicata. Entrambi gli esiti sono stati potenziati per la non-inferiorità.

In totale 1.996 pazienti ad alto rischio di sanguinamento sono stati assegnati in modo casuale a ricevere stent a rilascio di Zotarolimus ( 1.003 pazienti ) o stent rivestiti con farmaco privo di polimeri ( 993 pazienti ).

A 1 anno, l'esito primario è stato osservato in 169 pazienti su 988 ( 17.1% ) nel gruppo stent a rilascio di Zotarolimus e in 164 su 969 ( 16.9% ) nel gruppo stent rivestito con farmaco privo di polimeri ( differenza di rischio, 0.2 punti percentuali; P=0.01 per non-inferiorità ).

Il principale esito secondario è stato osservato in 174 pazienti ( 17.6% ) nel gruppo stent a rilascio di Zotarolimus e in 169 ( 17.4% ) nel gruppo stent rivestito con farmaco privo di polimeri ( differenza di rischio, 0.2 punti percentuali; P=0.007 per non-inferiorità ).

Tra i pazienti ad alto rischio di sanguinamento che hanno ricevuto 1 mese di doppia terapia antipiastrinica dopo PCI, l'uso di stent a base di polimero a rilascio di Zotarolimus è stato non-inferiore all'utilizzo di stent rivestiti di farmaco privi di polimeri per quanto riguarda la sicurezza e l'efficacia degli esiti compositi. ( Xagena2020 )

Windecker S et al, N Engl J Med 2020; 382: 1208-1218

Cardio2020 Farma2020


Indietro