Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Qualità di vita a lungo termine dopo arresto cardiaco extraospedaliero


Allocare risorse per aumentare la sopravvivenza dopo un arresto cardiaco richiede che i sopravvissuti abbiano una buona qualità di vita, ma mancano dati a lungo termine.

È stata determinata la qualità di vita dei sopravvissuti ad arresto cardiaco extraospedaliero dal 2001 al 2019.

Questo studio di indagine ha utilizzato l'EuroQol Health Questionnaire, il 12-Item Short Form Health Survey ( SF-12 ) e la Hospital Anxiety and Depression Scale ( HADS ) per valutare la qualità di vita correlata alla salute di tutti i sopravvissuti adulti ad arresto cardiaco extraospedaliero inclusi nel Registro danese degli arresti cardiaci nel periodo 2001-2019, che erano vivi nell'ottobre 2020 ( periodi di follow-up, 0-1, superiore a 1-2, superiore a 2 -4, superiore a 4-6, superiore a 6-8, superiore a 8-10, superiore a 10-15 e superiore a 15-20 anni dall'arresto cardiaco ).
L'indagine è stata condotta nel periodo 2020-2021.

La salute auto-riferita è stata misurata utilizzando il punteggio dell'indice EuroQol Health Questionnaire ( indice EQ ) e la scala analogica visiva ( VAS ) di EQ.

La salute fisica e mentale è stata misurata utilizzando l’SF-12, mentre l’ansia e la depressione sono state misurate utilizzando la scala HADS.
Per l’analisi sono state utilizzate statistiche descrittive.

Dei 4.545 sopravvissuti, 2.552 ( 56.1% ) hanno completato l'indagine, con un follow-up mediano dall'evento di 5.5 anni.

L’età era comparabile tra i responder e i non-responder ( mediana, 67 anni vs 68 anni ), e 2.075 responder ( 81.3% ) erano uomini e 477 ( 18.7% ) donne ( rispetto a 1.473 uomini, 73.9%, e 520 donne, 26.1%, non-responder ).

Per i gruppi con follow-up più breve ( 0-1 anno ) e con follow-up più lungo ( superiore a 15-20 anni ), il punteggio mediano dell’indice EQ è stato rispettivamente pari a 0.9 e 0.9.

Per tutti i responder, il punteggio medio SF-12 sulla salute fisica è stato 43.3 e il punteggio SF-12 sulla salute mentale è stato 52.9.
Tutti e 3 i punteggi sono risultati paragonabili a quelli di una popolazione di riferimento danese generale.

Sulla base dei punteggi HADS, un basso rischio di ansia è stato riportato dal 73.0% ( 54 su 74 ) dei sopravvissuti da 0 a 1 anno rispetto all'89.3% ( 100 su 112 ) dei sopravvissuti da più di 15 a 20 anni; per i sintomi della depressione, queste proporzioni sono state rispettivamente del 79.7% ( n=59 ) e dell'87.5% ( n=98 ).

La qualità di vita correlata alla salute è stata simile nei gruppi di sopravvissuti in tutti i periodi di follow-up.

Tra i partecipanti a questo studio, che comprendevano oltre il 50% dei sopravvissuti ad arresto cardiaco extraospedaliero in Danimarca, la qualità di vita correlata alla salute a lungo termine fino a 20 anni dopo l'evento è stata costantemente elevata e paragonabile a quella della popolazione generale.

Questi risultati supportano l’allocazione delle risorse e gli sforzi mirati ad aumentare la sopravvivenza dopo un arresto cardiaco extraospedaliero. ( Xagena2023 )

Yonis H et al, JAMA Cardiol 2023; 8: 1022-1030

Cardio2023



Indietro