Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Relazione tra riduzione della proteina C-reattiva e riduzione degli eventi cardiovascolari in seguito al trattamento con Canakinumab: analisi secondaria dallo studio CANTOS 


Canakinumab, un anticorpo monoclonale mirato all'interleuchina-1-beta, riduce l'infiammazione e il tasso di eventi cardiovascolari senza alcun effetto sulle concentrazioni dei lipidi.
Tuttavia, non è chiaro quale gruppo di pazienti tragga maggiori benefici dal trattamento e se la riduzione del biomarcatore infiammatorio proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ) sia correlata a benefici clinici per i singoli pazienti.

Lo studio CANTOS ( Canakinumab Anti-Inflammatory Thrombosis Outcomes Study ) ha assegnato casualmente 10.061 uomini e donne con una storia di infarto miocardico a placebo o a una su tre dosi di Canakinumab ( 50 mg, 150 mg o 300 mg ) somministrato per via sottocutanea una volta ogni 3 mesi.

In un'analisi secondaria prespecificata studiata per affrontare la relazione tra riduzione di hs-CRP e riduzione degli eventi in CANTOS, sono stati valutati gli effetti di Canakinumab sui tassi di eventi avversi cardiovascolari maggiori, mortalità cardiovascolare e mortalità per tutte le cause in base alle concentrazioni di hs-CRP durante il trattamento.
Il follow-up mediano è stato di 3.7 anni.

Le caratteristiche cliniche di base non hanno definito i gruppi di pazienti con maggiori o minori benefici cardiovascolari quando sono stati trattati con Canakinumab.
Tuttavia, i partecipanti allo studio assegnati a Canakinumab che hanno raggiunto concentrazioni di hs-CRP inferiori a 2 mg/l hanno presentato una riduzione del 25% dei principali eventi avversi cardiovascolari ( hazard ratio aggiustato multivariabile aHR=0.75; P minore di 0.0001 ), mentre nessun beneficio significativo è stato osservato tra quelli con concentrazioni di hs-CRP durante il trattamento di 2 mg/l o superiori ( aHR=0.90; P=0.11 ).

Per i pazienti trattati con Canakinumab che hanno raggiunto concentrazioni di hs-CRP in trattamento inferiori a 2 mg/l, la mortalità cardiovascolare ( aHR=0.69; P=0.0004 ) e la mortalità per qualsiasi causa ( aHR=0.69; P minore di 0.0001 ) sono state entrambe ridotte del 31%, mentre nessuna riduzione significativa di questi endpoint è stata osservata tra i soggetti trattati con Canakinumab che hanno raggiunto concentrazioni di hs-CRP di 2 mg/l o superiori.

Effetti differenziali simili sono stati riscontrati nelle analisi dell'endpoint cardiovascolare secondario prespecificato ( che comprendeva anche ospedalizzazione per angina instabile con necessità di rivascolarizzazione non-pianificata ) e nelle analisi di sensibilità alternativamente basate sulla riduzione mediana di hs-CRP, su una riduzione del 50% o superiore di hs-CRP, su una riduzione percentuale mediana di hs-CRP, nelle analisi dose-specifiche e nelle analisi con un approccio di inferenza causale per stimare l'effetto del trattamento tra le persone che avrebbero ottenuto una concentrazione di hs-CRP mirata.

L'entità della riduzione di hs-CRP dopo una singola dose di Canakinumab potrebbe fornire un semplice metodo clinico per identificare le persone che hanno maggiori probabilità di ottenere il più grande beneficio dal trattamento continuato.
Questi dati suggeriscono inoltre sono a sostegno dell'alta riduzione dell'infiammazione con Canakinumab. ( Xagena2018 )

Ridker PM et al, Lancet 2018; 391: 319-328

Cardio2018 Farma2018


Indietro