Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Sincope nei pazienti ad alto rischio di cardiomiopatia con defibrillatori impiantabili: frequenza, fattori di rischio, meccanismi e associazione con la mortalità


C'è una relativa scarsità di studi che hanno avuto come obiettivo quello di indagare i meccanismi di sincope tra i pazienti con insufficienza cardiaca con defibrillatori impiantabili cardioverter, ed è tema controverso se la sincope non-aritmogena sia associata a un aumento della mortalità.

Lo studio MADIT-RIT ( Multicenter Automatic Defibrillator Implantation Trial-Reduce Inappropriate Therapy ) ha assegnato in modo casuale 1.500 pazienti a 3 diversi bracci di programmazione del defibrillatore cardioverter impiantabile: programmazione convenzionale con la terapia per la tachicardia ventricolare maggiore o uguale a 170 bpm; cutoff ad alta frequenza con la terapia per la tachicardia ventricolare maggiore o uguale a 200 bpm e una zona di monitoraggio a 170-199 bpm; prolungato ritardo di 60 secondi con una zona di monitoraggio prima della terapia.

La sincope ha rappresentato un endpoint di sicurezza pre-specificato indipendente.

Sono stati identificati i fattori di rischio associati alla sincope e sono stati analizzati i conseguenti rischi di mortalità.

Durante il follow-up, 64 dei 1.500 pazienti ( 4.3% ) hanno presentato una sincope.
L'incidenza di sincope è risultata simile tra i 3 bracci di trattamento.

I fattori prognostici per la sincope per tutte le cause hanno incluso la presenza di cardiomiopatia ischemica ( hazard ratio, HR=2.48; P=0.002 ), aritmie ventricolari precedenti ( HR=2.99; P=0.021 ), frazione di eiezione ventricolare sinistra minore o uguale al 25% ( HR=1.65; P=0.059 ), giovane età ( per 10 anni; HR=1.25; P=0,046 ).

La sincope è stata associata a un aumentato rischio di morte, indipendentemente dalla sua causa ( sincope aritmogena: HR=4.51; P=0.012; sincope non-aritmogena: HR=2.97; P=0.038 ).

In conclusione, una innovativa programmazione dei defibrillatori cardioverter impiantabili con terapia per la tachicardia ventricolare maggiore o uguale a 200 bpm o un ritardo prolungato non è associata a un aumentato rischio di sincope aritmogena o per tutte le cause, e la sincope causata da tachicardie ventricolari lente ( inferiore a 200 bpm ) è un evento raro.
I fattori di rischio clinici associati alla sincope sono legati ad un aumento del profilo di rischio cardiovascolare e la sincope è associata a un aumento della mortalità, indipendentemente dalla causa. ( Xagena2014 )

Ruwald MH et al, Circulation 2014; 129: 545-552

Cardio2014



Indietro