Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Stent a rilascio di Everolimus o chirurgia di bypass per la malattia coronarica multivasale: esiti di follow-up estesi dello studio BEST


Gli esiti comparativi a lungo termine dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) con stent a rilascio di Everolimus e innesto di bypass coronarico ( CABG ) sono limitati nei pazienti con malattia coronarica multivasale.

Questo studio prospettico, multicentrico, randomizzato, controllato è stato condotto in 27 centri cardiaci internazionali ed è stato progettato per assegnare in modo casuale 1.776 pazienti con malattia coronarica multivasale angiografica a ricevere intervento coronarico percutaneo con stent a rilascio di Everolimus o innesto di bypass coronarico.

Dopo l'inclusione di 880 pazienti ( 438 nel gruppo intervento coronarico percutaneo e 442 nel gruppo innesto di bypass coronarico ) tra il 2008 e il 2013, lo studio è stato interrotto anticipatamente a causa del lento arruolamento.

L'endpoint primario era il composito di morte per qualsiasi causa, infarto del miocardio o rivascolarizzazione del vaso target.

Durante un follow-up mediano di 11.8 anni, l'endpoint primario si è verificato in 151 pazienti ( 34.5% ) nel gruppo intervento coronarico percutaneo e in 134 pazienti ( 30.3% ) nel gruppo innesto di bypass coronarico ( hazard ratio HR, 1.18; P=0.26 ).

Non sono state osservate differenze significative nel verificarsi di un composito di sicurezza di morte, infarto del miocardio o ictus tra i gruppi ( 28.8% e 27.1%; HR, 1.07; P=0.70 ), così come il verificarsi di morte per qualsiasi causa ( 20.5% e 19.9%; HR, 1.04; P=0.86 ).

Tuttavia, l'infarto miocardico spontaneo ( 7.1% e 3.8%; HR, 1.86; P=0.031 ) e qualsiasi rivascolarizzazione ripetuta ( 22.6% e 12.7%; HR, 1.92; P minore di 0.001 ) sono stati più frequenti dopo intervento coronarico percutaneo rispetto a innesto di bypass coronarico.

Nei pazienti con malattia coronarica multivasale, non ci sono state differenze significative tra intervento coronarico percutaneo e innesto di bypass coronarico nell'incidenza di eventi cardiaci avversi maggiori, endpoint composito di sicurezza e mortalità per tutte le cause durante il follow-up esteso. ( Xagena2022 )

Ahn JM et al, Circulation 2022; 146: 1581-1590

Cardio2022 Farma2022



Indietro