52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Troponina cardiaca I ad alta sensibilità e peptide natriuretico di tipo B come predittori di eventi vascolari: impatto delle statine


Le concentrazioni di troponina cardiaca e peptide natriuretico di tipo B ( BNP ) sono associate a esito cardiovascolare avverso in popolazioni di prevenzione primaria.
Non è chiaro se la terapia con statine ( farmaci ipocolesterolemizzanti noti anche come inibitori dell’HMG-CoA reduttasi ) modifichi questa associazione.

E’ stata misurata la troponina cardiaca I ad alta sensibilità ( hsTnI ) in 12.956 e BNP in 11.076 partecipanti senza malattia cardiovascolare nello studio JUPITER ( Justification for the Use of Statins in Prevention: An Intervention Trial Evaluating Rosuvastatin ) prima della randomizzazione a Rosuvastatina ( Crestor ) 20 mg/die oppure placebo.

Quasi il 92% dei partecipanti aveva hsTnI circolante rilevabile, e il 2.9% degli uomini e il 4.1% delle donne aveva livelli sopra i limiti di riferimento sesso-specifici proposti di 36 e 15 ng/l, rispettivamente.

Le concentrazioni di hsTnI nel più alto terzile sono state associate a un primo evento cardiovascolare maggiore ( hazard ratio aggiustato, aHR=2.19; P per trend minore di 0.001 ).

Anche i livelli di BNP nel più alto terzile erano associati a un primo evento cardiovascolare ( aHR=1.94; P per trend minore di 0.001 ).

Il rischio di mortalità per qualsiasi causa è risultato elevato per il più alto terzile rispetto ai terzili più bassi di hsTnI ( aHR=2.61; P per trend minore di 0.001 ) e BNP ( aHR=1.45; P per trend 0.02 ).

La Rosuvastatina è risultata efficace nel prevenire un primo evento cardiovascolare tra le categorie di hsTnI ( range aHR, 0.50-0.60 ) e BNP ( range aHR, 0.42-0.67 ), senza evidenze statisticamente significative di interazione ( P per interazione=0.53 e 0.20, rispettivamente ).

In conclusione, in una popolazione di prevenzione primaria, troponina cardiaca I e BNP basali sono stati associati a rischio di eventi vascolari e di mortalità per qualsiasi causa.
I vantaggi della Rosuvastatina sono stati sostanziali e costanti, indipendentemente dalle concentrazioni di hsTnI o BNP al basale. ( Xagena2015 )

Everett BM et al, Circulation 2015; 131: 1851-1860

Cardio2015 Farma2015


Indietro